Europa, il regno dell’incertezza

I fondi dedicati alla regione stanno soffrendo per la volatilità dei listini, ma anche per le deboli prospettive future dell’area. Il calo del petrolio non riesce a dare una mano. 

Marco Caprotti 24/02/2016 | 14:59

Chi ha investito in Europa vede nero. E, se si guarda indietro, non si consola. I fondi dedicati al Vecchio continente nell’ultimo mese hanno perso (mediamente e a livello di singole categorie) il 2,5%. Secondo l’analisi Morningstar del Max drawdown, inoltre, dai massimi degli ultimi tre anni i portafogli specializzati sulla regione si sono persi per strada dal 10% al 13% (a seconda del segmento).

Performance che non sorprendono se si considera, oltre alla volatilità dei mercati globali da inizio anno, il quadro all’interno del quale si trova l’area. “Secondo noi il recupero dell’Europa sarà lento e i tassi di interesse resteranno ai minimi  nel 2016 e, probabilmente, nel 2017”, spiega Erin Davis, analista di Morningstar. “L’invecchiamento della popolazione e un alto livello di disoccupazione renderanno difficile per la regione tornare ai ritmi di crescita visti prima della crisi. Il rafforzamento della moneta unica, complica il lavoro della Bce che vorrebbe portare l’inflazione al 2%”. L’obiettivo previsto dall’Eurotower per quest’anno è l’1,9%.

Troppi dubbi
In base a una simulazione dell’Ocse, la maggiore incertezza politica e le aspettative di una crescita più lenta nel medio termine avrebbero un impatto negativo pari allo 0,5% del Pil nella Ue in due anni. Il calcolo presuppone un calo degli investimenti del 2,5% sia nel 2016 che nel 2017 (per l'economia mondiale l'impatto sarebbe di -0,2%). Si tratterebbe di uno shock pari a un quinto rispetto a quello segnato nel 2011. Se al calo degli investimenti si sommassero anche le tensioni finanziarie allora l'impatto sarebbe pari al -1,2% del Pil Ue e a quasi lo 0,6% di quello mondiale.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar