Borse, si avvicina la stretta sui tassi Usa

Europa positiva, dopo i dati sull’occupazione americana. A Milano (+1,38%), riflettori puntati su Telecom Italia (-2%), in seguito all’annuncio della conversione delle azioni di risparmio. Wall Street incerta.

Sara Silano 06/11/2015 | 17:42
Facebook Twitter LinkedIn

Il dato sull’occupazione negli Stati Uniti ha rianimato le Borse europee. Oltreoceano, il tasso di disoccupazione è sceso in ottobre al 5% dal 5,1% del mese precedente ed è sui livelli più bassi dall'aprile 2008. Nello stesso periodo sono stati creati 271mila posti di lavoro, oltre le stime degli analisti. Inoltre, i salari sono cresciuti del 2,5% su base annua, segnale che l’economia a stelle e strisce è in buona salute. Dunque, una stretta da parte della Federal Reserve sembra sempre più vicina.

Telecom sotto i riflettori
Gli acquisti si sono riversati soprattutto sui listini di Francoforte e Milano, mentre Parigi è stata più debole perché ha risentito del negativo andamento del lusso e di Sanofi. A Piazza Affari, il Ftse Mib ha chiuso a +1,38%, sostenuto dalla galassia Unipol e da Buzzi. Bene anche Anima e Azimut. Per tutto il giorno è stata sotto i riflettori Telecom Italia (-2%), dopo l’annuncio della conversione delle azioni risparmio, a cui Vivendi, primo azionista del gruppo, sembra non volersi opporre.

Wall Street indecisa
Wall Street ha aperto in modo incerto, con gli indici che faticano a rimanere in territorio positivo. Sul fronte societario, Walt Disney è in rialzo dopo i conti trimestrali, mentre News Corp è penalizzata dagli introiti pubblicitari sulla carta stampata.

Dopo i dati sull’occupazione statunitense, l’euro è sceso ai minimi di sei mesi contro il dollaro.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia