Quanti dubbi, Mrs Yellen

Gli operatori davano per imminente un rialzo dei tassi da parte della Fed. Ma gli ultimi dati sul lavoro e la decisione della Cina di svalutare lo yuan potrebbero spingere la Banca centrale Usa a rivedere i suoi piani. 

Marco Caprotti 13/08/2015 | 12:42

Sarà a settembre? Le elucubrazioni e le scommesse su quando la Federal Reserve alzerà i tassi di interesse per la prima volta dal 2006 continuano a tenere in attività febbrile le sale operative anche in un periodo tradizionalmente calmo per le Borse come il mese di agosto. I ragionamenti degli operatori ruotano attorno a due elementi: la situazione dell’occupazione in Usa e, da qualche giorno, le incognite aperte dalla Cina con la decisione di svalutare la sua moneta contro il dollaro.

Il nodo occupazione
Per quanto riguarda il primo punto, il rapporto sull'occupazione di luglio dice che il mese scorso in Usa sono stati creati 215mila posti di lavoro e che il tasso di disoccupazione è rimasto al 5,3%. Sulla base di questi numeri è iniziata a ingrossarsi la pattuglia degli economisti che si aspettano una stretta già a settembre piuttosto che a dicembre. Il rapporto, infatti, è la dimostrazione di una lenta ma costante ripresa del mercato del lavoro anche se tra gli analisti, qualcuno fa notare che il tasso di partecipazione alla forza lavoro è rimasto al 62,6% (cioè ai minimi dell'ottobre 1977).

Il lato positivo è che la contrazione del dato, in atto dall'inizio degli anni 2000, sta rallentando anche se un tale andamento potrebbe indicare un'assenza di slancio in un mercato del lavoro incapace di attrarre coloro che hanno rinunciato a cercare un impiego. Altri esperti sottolineano che in generale, un rialzo dei tassi sarebbe positivo per l'azionario perché implicherebbe una crescita dell'economia, che migliorerebbe l'outlook dei profitti aziendali.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies