Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

Troppi vincoli per i fondi pensione

Secondo un sondaggio promosso da GAM, per gli investitori istituzionali i prodotti di previdenza integrativa non riusciranno a centrare i loro obiettivi di lungo termine a causa dei limiti normativi.

Valerio Baselli 26/06/2015 | 13:28

Più libertà per i fondi pensione. È questo, in sostanza, il messaggio che arriva da un recente sondaggio promosso da GAM, che ha coinvolto circa 80 investitori istituzionali europei sul tema della previdenza integrativa.

Il 78% dei partecipanti, infatti, ha dichiarato che i fondi pensione non saranno in grado di raggiungere i loro obiettivi a lungo termine a causa dei vincoli normativi troppo stretti. In particolare, tenuto conto dell’aumento della longevità della popolazione, la regolamentazione è vista come una barriera cruciale per la generazione di rendimenti sufficienti a soddisfare gli impegni e, secondo il 65% degli intervistati, la normativa dovrebbe essere cambiata per permettere ai piani pensionistici una maggiore flessibilità nelle scelte di asset allocation.

Ulteriore conferma, questa, al fatto che la normativa giochi un ruolo fondamentale soprattutto in campo previdenziale. Un’indagine effettuata da Censis e Covip, infatti, aveva già marcato come uno dei motivi principali dietro allo stallo della previdenza integrativa in Italia è il fatto che i cittadini siano convinti che le regole sulla propria pensione cambieranno ancora nel breve (clicca qui per approfondire).

“Gli investitori sono giustamente preoccupati circa le modalità con cui gli impegni pensionistici potranno essere soddisfatti e ritengono che occorra un approccio di investimento flessibile per porvi rimedio”, ha commentato in una nota Alexander Friedman, amministratore delegato del gruppo GAM. “La sfida cruciale per i gestori dei fondi è quella di offrire ai clienti strategie che siano differenziate e in grado di aggiungere  valore significativo. Nell’attuale condizione di mercato gli investitori si aspettano forti convincimenti da parte dei gestori a cui si affidano”.

La metà degli investitori istituzionali che hanno risposto al sondaggio, inoltre, prevede di aumentare la propria allocazione su prodotti attivi nei prossimi tre anni mentre solo il 13% intende incrementare i propri investimenti in prodotti passivi. Per la seconda metà del 2015, il 38% si dice intenzionato ad accrescere i suoi investimenti in prodotti alternativi, il 35% nell’azionario europeo e il 27% in quello dei mercati emergenti. Secondo l’inchiesta, infine, il rischio geopolitico, la mancata ripresa economica e i movimenti dei tassi di interesse sono percepiti da parte degli investitori come i rischi principali. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar