I miti che distraggono i cacciatori di cedole

Se i tassi salgono, un bond singolo è meglio di un fondo obbligazionario? E le azioni che pagano dividendo sono più sicure?  La liquidità è davvero l’investimento più tranquillo?  

Christine Benz 19/03/2015 | 10:07

In America se ne parla da tempo mentre in Europa, dopo il lancio del Qe, gli investitori sperano che se ne arrivi a discutere al più presto: come bisogna comportarsi in caso di rialzo dei tassi di interesse? Più nel dettaglio: meglio i scegliere i bond uno per uno o conviene un fondo obbligazionario? E ancora: è più sicuro un titolo che paga una buona cedola? E, infine: che ruolo deve avere la liquidità?

Purtroppo a queste domande non si possono dare risposte nette e la confusione nella testa dei risparmiatori aumenta. Per questo cerchiamo di fare chiarezza riguardo alcuni miti che circolano fra gli investitori con l’avvertenza che non sono necessariamente falsi, ma potrebbero essere adatti solo a certe situazioni. In ogni caso, gli investitori non dovrebbero accettarli come verità assolute. Sarebbe meglio, invece, metterli in relazione alle proprie necessità e agli orizzonti temporali stabiliti.

Mito numero 1: Se i tassi di interesse stanno per salire è meglio avere in portafoglio un singolo bond che un fondo obbligazionario
Questa affermazione ha molto senso. Chi compra un bond al momento dell’emissione e lo tiene fino a scadenza ha buone probabilità (se il debitore è solvibile) di avere indietro i suoi soldi con gli interessi. Lo stesso non può dirsi con l’investimento in un fondo obbligazionario. Ad esempio, uno strumento di questo tipo a lungo termine, se i tassi ad esempio salgono di due punti percentuali fra il momento dell’acquisto e quello della vendita, nello stesso spazio di tempo avrà perso valore nominale, incidendo su quello dell’intero portafoglio (vale anche il caso contrario). Per alcuni, questo è un motivo sufficiente per non comprare questo prodotto in un momento in cui i tassi possono solo salire.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Christine Benz  Christine Benz is Morningstar's director of personal finance and author of 30-Minute Money Solutions: A Step-by-Step Guide to Managing Your Finances and the Morningstar Guide to Mutual Funds: 5-Star Strategies for Success. Follow Christine on Twitter: @christine_benz and on Facebook.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies