L'Italia prova a tenere il ritmo

La piazza finanziaria tricolore ha iniziato il 2014 con le migliori intenzioni. Merito anche di una congiuntura che manda qualche segnale di ripresa. 

Marco Caprotti 04/02/2015 | 14:59

Piazza Affari parte a tutto gas. Resta da capire se sarà in grado di tenere il passo di corsa. L’indice Msci del Belpaese nell’ultimo mese (fino al 30 gennaio e calcolato in euro) ha guadagnato il 7%, più del doppio rispetto alla performance segnata nell’intero 2014. Una performance che, a differenza di altre occasioni (in cui a trainare la piazza milanese è stato l’andamento dell’intera Europa), può essere attribuito a un miglioramento del quadro macroeconomico domestico.

Il quadro macro
A gennaio, secondo i dati elaborati dall’Istat sono migliorati in modo significativo sia la fiducia delle imprese, sia quella dei consumatori. La prima da 87,6 di dicembre a 91,6, il livello massimo da settembre 2011, la seconda da 99,9 a 104. “Questi rimbalzi sono a nostro avviso i primi segnali che l'economia italiana sta cominciando a beneficiare dell'impatto dei recenti shock positivi sui mercati finanziari”, spiega uno studio firmato da Paolo Mameli senior economist della Direzione Centrale Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo. “Nelle nostre stime, l’impatto congiunto dagli shock su energia (con il calo del prezzo del petrolio, Ndr) e tasso di cambio (con il deprezzamento dell’euro, Ndr), nonché dal Qe deciso dalla Bce, può valere potenzialmente lo 0,8% del Pil all'anno. Lo 0,3-0,4% di questo si aggiungerebbe alla nostra attuale previsione per il 2015 (0,4%)”.

Per quanto riguarda la domanda domestica, “il miglioramento del reddito disponibile per i consumatori e delle condizioni finanziarie per le imprese, che potrebbe spiegare il rimbalzo della fiducia di famiglie e aziende a gennaio, giustifica prospettive meno incerte rispetto al recente passato. In altri termini, per la prima volta da molto tempo, sulle stime di crescita per l'Italia pendono rilevanti possibilità di rialzo”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies