Le banche non hanno più scuse

Con gli stress test il sistema finanziario europeo ha dimostrato di essere in salute. Ora, dicono gli investitori, può aprire i rubinetti del credito per dare una mano alla ripresa della regione. Il segmento dal punto di vista operativo è interessante. Ma serve un po' di prudenza. 

Marco Caprotti 28/10/2014 | 14:20

Forse un punto di svolta per la crisi europea, sicuramente uno scenario interessante per gli investitori. E’ questo, in sintesi, il giudizio degli operatori di mercato alla valutazione approfondita (Comprehensive Assessment) appena conclusa dalla Bce in collaborazione con l’Autorità bancaria europea (Eba) e con i supervisori nazionali sugli istituti di credito del Vecchio continente.

I cosiddetti stress test hanno fatto emergere carenze patrimoniali per 25 miliardi di euro (al 31 dicembre 2013) per 25 delle 130 banche europee incluse nel campione (circa l’85% degli attivi bancari europei). Gli istituti zoppicanti diventano 13 se si tengono in considerazione gli aumenti di capitale già realizzati nei primi nove mesi del 2014. Quattro bocciati sono italiani: Monte dei Paschi di Siena, Carige, Banca Popolare di Milano e Popolare Vicenza. Per le ultime due, però, i deficit di capitale sono già stati coperti con operazioni patrimoniali.

La cifra che dovrà essere effettivamente raccolta dalle banche europee che hanno mancanze di capitale è quindi di 9,5 miliardi. Quasi tutti gli istituti che dovranno sistemare i bilanci hanno necessità inferiori al miliardo. Fanno eccezione, oltre a Banca Mps (2,1 miliardi), Eurobank (Grecia, 1,8 miliardi) e Banco Comercial Portugues (Portogallo 1,1 miliardi). “I risultati complessivi dei test fanno emergere lo scarso impatto che avrebbe sul sistema un eventuale scenario avverso, sia per l’area euro sia per l’Italia”, spiega una nota dell’Associazione italiana analisti finanziari (Aiaf). “Il superamento del test da parte di tutte le più grandi banche europee e italiane rassicura sulla solidità del sistema bancario, nonostante le ulteriori necessità di rafforzamento patrimoniale in Italia da parte di Mps e, in misura molto più modesta, anche di Carige”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Banca Carige1,50 EUR0,00
Banca Monte dei Paschi di Siena1,16 EUR0,00
Banco Comercial Portugues SA0,12 EUR0,00

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies