La Fed scende dalla locomotiva

Le decisioni di politica monetaria della Banca centrale Usa non condizionano più l'economia e i mercati americani. Meglio studiare altri indicatori. Fra  cui il mattone. 

Marco Caprotti 04/06/2014 | 15:30

Meglio togliere dai radar la Federal Reserve. Le decisioni di politica monetaria della Banca centrale Usa, spiegano gli analisti, non sono più così importanti per l’andamento della prima economia mondiale. E’ preferibile, aggiungono, concentrare l’attenzione su altri indicatori che possono dare segnali più chiari sulla direzione che prenderà quella che è ancora considerata la locomotiva dei mercati globali. “Il ruolo della Fed è stato determinante nell’aiutare gli Stati Uniti a uscire dalla crisi”, spiega Bob Johnson, direttore della ricerca economica di Morningstar. “Ha fatto un ottimo lavoro dando una mano alle banche nel processo di ricapitalizzazione dopo la crisi dei subprime. Questo ha permesso agli istituti di ritornare a dare prestiti e l’economia, poco alla volta, si è stabilizzata”.

La Fed, le imprese e le famiglie
Il miglioramento permette alla Banca centrale Usa di mettersi da parte e lasciare al mercato il compito di sostenersi. “Mettiamoci nei panni di un imprenditore o di una famiglia”, dice Johnson. “Il fatto che i tassi a breve termine siano allo 0,25% o allo 0,50% e che quelli a lungo siano al 2,5% o al 3% non fa una grande differenza quando deve chiedere un prestito. Certo, il costo del denaro può crescere un po’, ma non è questo a determinare l’andamento della Borsa soprattutto nel medio e breve termine. Ci sono altri elementi più importanti come la fiducia dei consumatori, il livello dei salari e la disoccupazione. Tre fattori che incidono sui consumi – e di conseguenza sull’andamento dell’economia e della Borsa - più delle decisioni della Fed”.

La corporate America, nel frattempo, mostra uno stato di salute invidiabile. “I tassi di default sono ai minimi storici”, spiega Michael Memory, product specialist income & growth di Allianz Global Investors. “L’utilizzo della leva si mantiene a livelli contenuti e l’indice di copertura degli oneri finanziari è vicino ai massimi storici”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Fortune Brands Home & Security Inc71,03 USD-2,69
NVR Inc4.031,14 USD-0,16

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar