Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Il ritratto dei gestori sul podio

Presentiamo i manager dei fondi vincitori dei Morningstar Awards 2014 e le valutazioni degli analisti.  

Valerio Baselli 02/04/2014 | 09:48
Facebook Twitter LinkedIn

“Person”, ossia il gestore è uno dei pilastri dell’analisi qualitativa di Morningstar. Per redigere i report di ricerca, gli analisti intervistano i fund manager e guardano alla loro esperienza e al percorso di carriera. Ecco un breve approfondimento su quelli che gestiscono i fondi vincitori degli Awards.

Luigi Degrada (Fideuram Italia)
Luigi Degrada è il gestore di Fideuram Italia dal 2003. In Fideuram dal 1999, coordina il team dedicato ai fondi azionari che ha sede a Milano ed è anche responsabile per altri quattro prodotti che investono sul mercato italiano. Nel team di Degrada non esiste una formale separazione tra il ruolo di gestore e analista, di modo che l'attività di valutazione e di ricerca sui singoli settori ed emittenti viene svolta dalla stessa persona responsabile per la costruzione del portafoglio. Morningstar ritiene che l'assenza del supporto da parte di un forte team di analisti venga compensata dalla continuità e l'esperienza maturata dal gestore. Degrada, inoltre, si confronta con altri due gestori di Fideuram dedicati al mercato azionario europeo, con i quali vengono condivise alcune idee di investimento. Clicca qui per guardare la video intervista.

Jørn Andersen (Nordea-1 Global Value Fund; non ancora coperto dalla ricerca Morningstar)
Jørn Linde Andersen è un esperto value investor. Ha iniziato la sua carriera nella gestione patrimoniale nel 1988, lavorando come broker per Sydbank. Ha proseguito poi come analista azionario per Jyske Bank, prima di passare a SparInvest e diventare gestore di portafoglio. Nel 1998 è stato uno dei fondatori, nonché responsabile degli investimenti della società lussemburghese Linde Partners asset management. Grazie alla sua politica degli investimenti estremamente chiara e determinata, la società ha ottenuto grandi successi.

Fabio Di Giansante (Pioneer Funds - Euroland Equity)
Fabio Di Giansante ha assunto piena responsabilità del fondo Pioneer Euroland Equity a partire da agosto 2006. L’analisi Morningstar sottolinea che questo incarico alla gestione di un portafoglio azionario sull'area euro non è il primo per Di Giansante, il quale ha già collaborato in precedenza presso Nextra AM, dove ha anche rivestito il ruolo di analista. Grazie a questa esperienza, oggi il gestore effettua un utilizzo intelligente della ricerca prodotta dal team di 10 analisti azionari di Pioneer, non vincolandosi in modo stretto alle idee di investimento proposte, ma talvolta ricercando di propria iniziativa ulteriori opportunità. In ogni caso, l’opinione di Morningstar sulle risorse a cui ha accesso il gestore è positiva, in considerazione dei buoni risultati raggiunti anche da altri fondi di cui è responsabile. 

Fabio Mossi (CB-Accent Lux Far East Equity; non ancora coperto dalla ricerca Morningstar)
Fabio Mossi è dal 2001 il responsabile dell’area strategie di investimento di Cornèr Banca, team composto da 14 persone attive nei settori analisi, gestione discretionary e gestione di fondi di investimento. In precedenza ha ricoperto il ruolo di portfolio manager presso Ubs dove ha costituito un’esperienza decennale in campo finanziario. Inoltre, per tale comparto Cornèr Banca si avvale dal 2004 della consulenza di Marcel Zimmermann, azionista e direttore della società indipendente Asian Asset Research di Lugano, che ha una pluriennale esperienza sui mercati asiatici.

Nick Price (Fidelity Funds - Emerging Markets Fund)
Nick Price è responsabile degli investimenti di Fidelity Funds Emerging Markets dal 2009. In realtà, Price è entrato in Fidelity molto prima, nel 1998, come analista pan-europeo. E’ divenuto in seguito vice gestore dell’European Growth Fund e successivamente responsabile Emea (Europe, Middle east and Africa) nel 2005. È supportato da quattro gestori di portafoglio che hanno la responsabilità di fornirgli le migliori idee a livello di stock picking nelle diverse aree di competenza. Sono stati con lui fin dall’inizio, nel luglio 2009 . Suranjan Mukherjee è responsabile per l’Asia emergente , Alex Duffy e Angel Ortiz sono responsabili per l’America Latina e Liudmila Gavrilova copre l’area Emea . Un team di oltre 40 analisti fornisce ulteriore supporto.

Cosimo Marasciulo e Tanguy Le Saout (Pioneer Funds Euro Bond e Pioneer Funds Euro Aggregate Bond)
Cosimo Marasciulo e Tanguy Le Saout lavorano assieme sin dal marzo 2004. Le Saout, entrato in Pioneer nel 1999, è il responsabile del team obbligazionario in Europa; Marasciulo è entrato in Pioneer nel 2000 ed è il responsabile degli investimenti governativi e valutari. L’organizzazione del team di gestione prevede delle specializzazioni per strategie di investimento; in particolare, Marasciulo e Le Saout sono gli specialisti sull’allocazione tra settori obbligazionari e sulla curva governativa (Euro e US). Per le altre strategie, i due si avvalgono del contributo degli altri specialisti, oltre 15, che vantano un'esperienza media di 15 anni, di cui circa 7 trascorsi in Pioneer. La costruzione del portafoglio, dunque, è il risultato del lavoro di gruppo al quale gli stessi Marasciulo e Le Saout partecipano in modo significativo, con l'ulteriore contributo di tre esperti, guidati da Ali Chanaabee, dedicati proprio a rendere più efficace e coerente il processo stesso di costruzione del portafoglio.

Michael Hasenstab e Sonal Desai (Templeton Global Total Return)
Michael Hasenstab, entrato in Templeton nel 1995, è co-responsabile di tutta la parte obbligazionaria. Gestisce anche altri fondi, tra cui il Templeton Emerging Markets Bond. Hasenstab è specializzato in asset allocation per paese, macroeconomia, modelli di serie storiche e analisi del credito sovrano. Sonal Desai è entrata in Franklin Templeton nel 2009 da River Thames ed è membro del Fixed income policy committee. È stata nominata co-gestore del fondo nel 2011 e attualmente è direttore della ricerca. I gestori sono supportati da un grande team di analisti con sede in California e a Londra, oltre a quelli dedicati ai mercati locali, che aiutano con l’analisi di problematiche specifiche per paese.

Brad Crombie (Aberdeen Global II Euro High Yield Bond Fund)
Brad Crombie è alla testa di un team esperto, nonostante i cambiamenti del 2011 e 2012, come la partenza di Ky Van Tang, Tha Sisopha e Stephen Hargreaves. Crombie può contare anche sull’aiuto part-time del precendente responsabile, Paul Reed, che ha oltre 40 anni di esperienza. Il team comprende anche altri investitori esperti, come Mark Sanders, rientrato dopo aver lavorato per New Star Asset Management e Henderson Global Investors. Inoltre, un numero crescente di analisti giovani rafforza ulteriormente la squadra.

Edgardo Sternberg e David Rolley (Natixis International Funds - Loomis Sayles Emerging Debt and Currencies Fund)
Edgardo Sternberg e David Rolley lavorano in team dal 2006, ma investono sui mercati obbligazionari dei paesi emergenti da molto più tempo. Sternberg è entrato in Loomis Sayles nel 2005 e vanta oltre 20 anni di esperienza negli investimenti obbligazionari, compresi i titoli di debito dei paesi emergenti. Rolley, da parte sua, ha oltre 30 anni di esperienza, la metà dei quali trascorsi nella divisione di Loomis Sayles che si occupa degli investimenti obbligazionari. Il gruppo è completato da Peter Frick, promosso al ruolo di co-gestore nel 2012, dopo aver lavorato otto anni nel team. Le risorse a disposizione dei gestori sono state ampliate grazie a quattro nuovi inserimenti che hanno portato a otto il numero degli analisti che si occupano degli emittenti pubblici e privati. I gestori lavorano in un contesto nel quale l’interdipendenza fra mercati emergenti e sviluppati è ancora molto accentuata, le competenze nell’analisi dei trend macroeconomici globali e la capacità di copertura del mercato (oltre 50 paesi e oltre 180 emittenti corporate analizzati) rappresentano un punto di forza.

Philippe Champigneulle (DNCA Invest Eurose Class A shares)
Philippe Champigneulle è alla guida dal 2009 e opera in stretta collaborazione con Jean-Charles Mériaux, che ha lanciato la versione francese di questo fondo diversificato nel 2003. Mériaux fa uso della sua ottima conoscenza delle imprese sul mercato francese, maturata con il fondo di riferimento della società Centifolia dal 2002 e, in precedenza, con altri fondi azionari, in particolare con LCF Rothschild. Philippe Champigneulle si occupa della gestione obbligazionaria, una classe di attivi con cui ha lavorato per la maggior parte dei suoi 26 anni di esperienza professionale. Da gennaio 2013 è accompagnato da Jacques Sudre, che ha a sua volta una decina di anni di esperienza nel settore obbligazionario.

Rolf Streuli e Andreas Brugger (Julius Baer Strategy Income; non ancora coperto dalla ricerca Morningstar)
Il team di gestione è costituito da quattro persone, di cui due specialisti chiave, uno sul reddito fisso (Rolf Streuli) e l’altro sull’azionario (Andreas Brugger). Oltre ai due specialisti, la squadra è completata da Ralph Weber e Tony Markwalder. Streuli ha iniziato a lavorare per Julius Baer nel 2000 nel Private banking, dove ha operato per due anni come economista e junior bond portfolio. Per la sua dissertazione “Dormire sonni tranquilli con obbligazioni indicizzate all’inflazione” ha conseguito il premio per gli studi Jefferies 2006. Dal 2012, è responsabile per la selezione delle obbligazioni dei mandati discrezionali.
Brugger ha più di 25 anni di esperienza. È entrato in Julius Baer nel 2001 come senior portfolio manager e analista azionario. Dal 2005 è responsabile, assieme a Ralph Weber, dei fondi strategici.  Nel 2011 ha assunto la direzione del team e dal 2012 è responsabile per la selezione delle azioni per i mandati discrezionali.

 

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.