L'Italia inciampa sui fondamentali

Il mercato azionario tricolore continua a salire, ma sta solo andando al traino di quello europeo. Il quadro macro resta barcollantre e presto non giustificherà le quotazioni dell'equity. 

Marco Caprotti 16/10/2013 | 14:39

Piazza Affari continua a correre. Ma la situazione congiunturale dell’Italia non consente di essere troppo ottimisti sul futuro della Borsa milanese. L’indice Msci relativo alla Penisola nell’ultimo mese (fino all’11 ottobre e calcolato in euro) ha guadagnato il 7,5%, portando a +14,3% la performance da inizio anno. Un andamento legato soprattutto alla possibilità di un’uscita dell’Europa dal tunnel della crisi che sta facendo riscoprire agli investitori le valutazioni dei titoli dei paesi periferici. Alla fine, però, si dovrà tornare a parlare di fondamentali macro e la situazione potrebbe cambiare. Soprattutto se dovessero tornare a soffiare venti di crisi politica.

Il quadro macro
Il quadro fornito dall’ultima tornata di dati dell’Istat non è molto rassicurante. La produzione industriale, ad esempio, è scesa dello 0,3% congiunturale ad agosto e del 7,6% tendenziale. L’indice corretto per gli effetti di calendario (a parità di giornate lavorative che sono state 21 contro 22 di agosto 2012) segna un calo del 4,6%. In otto mesi la produzione industriale è scesa del 4%.

Nel secondo trimestre la pressione fiscale ha toccato il livello del 43,8% del Pil, in aumento rispetto al primo trimestre (39,1%) e anche all’anno precedente (42,5%). Il tasso di disoccupazione, ad agosto, è salito ancora al 12,2% (+0,1 punti su mese e +1,5 su anno), segnando un nuovo record. Il tasso di occupazione è fermo al 55,8% (invariato su mese e -0,8 punti su anno). I prezzi alla produzione dei prodotti industriali sono saliti ad agosto dello 0,2% congiunturale e scesi del 2% tendenziale, il calo più consistente da novembre 2009. A settembre, il clima di fiducia delle imprese è salito a 83,3 dall’82 secco di agosto.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies