L'hi-tech fa gli straordinari

Non c'è solo Telecom Italia. Il settore IT approfitta di una serie di fusioni e acquisizioni che tengono all'erta gli investitori. 

Marco Caprotti 25/09/2013 | 15:02
Facebook Twitter LinkedIn

Le operazioni straordinarie danno un’altra spinta al settore tecnologico. L’indice Msci del segmento nell’ultimo mese (fino al 23 settembre e calcolato in euro) ha guadagnato il 2,36%, portando a +13,6% la performance da inizio anno. Merito soprattutto dei riassetti che si stanno verificando in alcuni comparti dell’hi-tech.

La notizia che in questi giorni è finita sotto la lente di ingrandimento degli operatori è l’accordo tra i soci italiani di Telco e l’azionista spagnolo Telefonica a cui andrà il controllo del 66% della holding che detiene il 22,4% di Telecom Italia. Generali, Intesa Sanpaolo e Mediobanca hanno precisato che è stato modificato il patto parasociale di Telco che prevede due fasi di esecuzione. La prima comporta un aumento di capitale riservato a Telefonica per 324 milioni di euro valorizzando così la quota detenuta da Telco in Telecom a 1,09 euro per azione. Generali, dopo l’aumento di capitale, deterrà il 19,33% di Telco, Intesa Sanpaolo e Mediobanca avranno il 7,34% ciascuna. Telefonica ha assunto l’impegno a sottoscrivere un altro aumento di capitale per 117 milioni a seguito del quale salirà al 70%. Dal primo gennaio 2014 inoltre il gruppo spagnolo ha un’opzione per acquistare tutte le azioni di Telco dai soci italiani.

Continuano le M&A
Quella italiana non è l’unica operazione ad aver attirato l’attenzione degli investitori. Il colosso americano del segmento dei semiconduttori Applied Materials (Am) nei giorni scorsi ha annunciato di aver acquistato la giapponese Tokyo Electron per 9,4 miliardi di dollari (in azioni). Si tratta dell’operazione maggiore degli ultimi sei anni da parte di una società straniera in territorio nipponico e dell’ennesimo sussulto di un’ondata di merger&acquisition che segue di poche settimane quella fra l’olandese Asml e l’americana Cymer, acquistata dagli europei per 1,95 miliardi di euro. Ma è anche la risposta al matrimonio fra Lam Research e Novellus System che nel 2011 ha creato un gruppo in grado di erodere quote di mercato ad Am.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies