Stiamo facendo lavori di ordinaria manutenzione del sito, per cui potrebbero esserci momentanei e intermittenti interruzioni nel funzionamento. Ci scusiamo per il disguido e ti ringraziamo per la pazienza.

Pensioni, obiettivo Europa

Confini ancora rigidi per gli strumenti di previdenza integrativa. Le regole degli stati dell’Unione rimangono troppo eterogenee. La Commissione chiede più garanzie per i cittadini che vivono all’estero.

Azzurra Zaglio 06/09/2013 | 11:52
Facebook Twitter LinkedIn

La previdenza integrativa non sa ancora viaggiare all’estero. A fronte di una maggiore mobilità professionale in Europa, i fondi pensione cross border (strumenti previdenziali condivisi su base comunitaria) diminuiscono. A dirlo è l’ultimo report dell’European Insurance and Occupational Pensions Authority (Eiopa) che riporta come tra giugno 2012 e giugno 2013 si siano attivati due nuovi fondi pensione cross border, ma quattro abbiano chiuso i battenti. Il numero complessivo quindi scende rispetto al 2011, da 84 a 82.

Ospiti e ospitanti
A diminuire (di tre unità) è anche il numero di paesi in cui il fondo pensione transfrontaliero opera e che applica la relativa normativa (host state), che scendono a 19. La ragione, dice il report, è da attribuire alla cessione delle attività di un fondo che vedeva come host state Danimarca, Estonia e Finlandia.

Non varia, ma neppure cresce il numero degli stati che danno sede legale ai fondi pensione (home country) rimanendo fissi a nove. L’Italia non figura tra questi ed è host state solo per due fondi pensione (domiciliati uno in Belgio e l’altro in Lussemburgo).

L’evoluzione del settore appare quindi ancora molto lunga. Eiopa sottolinea come sia difficile il contesto dei 27 paesi membri dell’Unione europea, ognuno con strutture finanziarie e legislazioni sociali diverse, da alcuni Paesi nordici fortemente avanzati, ai Paesi dell’est come l’Ungheria dove il sistema pensionistico  è nazionalizzato.

Propositi comuni
L’incremento dell’attività cross border della previdenza integrativa è uno dei punti chiave sia del Libro Bianco delle pensioni preparato dalla Commissione europea, sia della direttiva Iorp (relativa al funzionamento e alla supervisione degli enti pensionistici aziendali e professionali) ancora in corso di revisione. L’obiettivo non è solo quello di garantire meccanismi di protezione necessari ai cittadini che vivono o lavorano all’estero, ma soprattutto quello di stipulare degli standard minimi comuni di regole che consentano di acquisire e conservare gli stessi diritti fuori dai propri confini nazionali e soprattutto non subire una doppia imposizione fiscale.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Azzurra Zaglio

Azzurra Zaglio  è stata Redattrice di Morningstar in Italia.