Pensioni, troppa austerity non serve

Secondo l’Ue il settore previdenziale deve rimanere di competenza statale e assegni troppo leggeri deprimono l’economia. In Italia l’età pensionabile più elevata.

Valerio Baselli 14/06/2013 | 14:01
Facebook Twitter LinkedIn

La spesa pensionistica non deve essere vista solo come un peso per i conti pubblici, bensì come una risorsa. È questo, in sostanza, il messaggio del Libro bianco sulle pensioni approvato poche settimane fa dal Parlamento europeo. Per la prima volta, infatti, le autorità pongono l’accento sugli effetti positivi che un buon sistema pensionistico può avere sull’economia, invece di spingere per ridurre i costi a carico dei governi, già molti indebitati. Come dire, non bisogna esagerare con l’austerità.

Il documento, dal titolo Pensioni adeguate, sostenibili e sicure, contiene passaggi insolitamente chiari ed espliciti: “I sistemi pensionistici sono una componente essenziale dei modelli sociali europei, il cui obiettivo fondamentale e non negoziabile è quello di garantire un livello di vita dignitoso agli anziani”. Non solo, secondo il report “la sostenibilità della politica in materia di pensioni va oltre le considerazioni di bilancio. Nell’attuale dibattito, i regimi pensionistici sono tropppo spesso percepiti come un mero peso sulle finanze pubbliche, anziché come strumenti essenziali per contrastare la povertà della fascia di popolazione più anziana, che fra l’altro costituisce un gruppo di consumatori particolarmente importante”. Insomma, risparmiare sulla previdenza (correndo il rischio di avere una buona fetta di pensionati in povertà), non ha senso.

Vecchio continente, di nome e di fatto
Secondo il quadro delineato dal Libro bianco, la speranza di vita dovrebbe aumentare da oggi al 2060 di 7,9 anni per gli uomini e di 6,5 per le donne. Ma il problema è già presente. In pratica, le persone sopra i 60 anni aumentano ogni anno di circa due milioni, il doppio rispetto al ritmo degli anni ’90. E ora che i baby boomers (ovvero quei cittadini nati tra il 1945 e il 1964, che hanno vissuto il boom economico europeo) stanno raggiungendo l’età pensionabile, la popolazione attiva in Europa comincia a ridursi sensibilmente, creando uno squilibrio tra entrate e uscite dal sistema pensionistico.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies