Al via la busta arancione

Dopo anni di annunci e smentite, l’Inps partirà a fine mese con l’estratto conto previdenziale e il calcolatore.

Valerio Baselli 29/03/2013 | 11:11
Facebook Twitter LinkedIn

L’Inps ha dato ufficialmente il via libera all’operazione “Conosci la tua pensione”, che consiste in una serie di iniziative di informazione ed educazione previdenziale, previste ufficialmente dall’ultima riforma pensionistica (la riforma Fornero), ma di cui in realtà si parla da molti anni.

Dopo la sperimentazione dell’anno passato su 100 mila lavoratori, entro la fine di aprile verrà esteso a circa un milione di persone l’accesso online al proprio estratto conto previdenziale, il quale darà una visione dei contributi versati e in quali modalità. Col tempo l’accesso verrà esteso a tutta la platea interessata. In Italia ci sono infatti circa sei milioni di lavoratori che hanno versato contributi previdenziali in differenti gestioni Inps o presso diverse casse previdenziali. L'Estratto conto integrato fornirà la visione completa della contribuzione previdenziale individuale, con un’unica operazione di consultazione, per verificare anche eventuali vuoti previdenziali o correzioni.   

Il calcolatore della pensione
Inoltre, per i lavoratori nati prima del 1955 iscritti all’Inps sarà disponibile anche un calcolatore, che consentirà di conoscere la data del proprio pensionamento e l’importo presunto dell’assegno. Ma non finisce qui. Entro la fine dell’anno, infatti, anche per i lavoratori più giovani sarà disponibile un simulatore sulla pensione futura, il quale fornirà una stima riguardante diverse prospettive previdenziali sulla base di determinate ipotesi di carriera e quindi di contributi. Più il lavoratore è giovane più sarà difficile ottenere una stima accurata del proprio assegno; sono infatti molte le variabili in gioco: l’evoluzione retributiva individuale, gli anni e la continuità del lavoro, la scelta del periodo di pensionamento.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies