Raccolta fondi, gennaio batte tutti

I flussi sono stati pari a 45,7 miliardi, il livello più alto dal 2007. Gli azionari rimontano. Bene obbligazionari e bilanciati.

Sara Silano 07/03/2013 | 11:51
Facebook Twitter LinkedIn

L’industria europea dei fondi si surriscalda a gennaio. Secondo l’ultimo Morningstar asset flow report, i flussi nei comparti a lungo termine distribuiti nel Vecchio continente sono stati pari a 45,7 miliardi di euro, il livello più alto dal 2007. Il rally dei mercati e la diminuzione della volatilità hanno dato slancio agli azionari, la cui raccolta netta è stata di 15,9 miliardi (più del doppio rispetto a dicembre). Il risultato ha permesso loro di avvicinarsi agli obbligazionari (+18,5 miliardi), che sono stati i leader incontrastati nel 2012. Hanno fatto bene anche i bilanciati con +8,3 miliardi.

Emergenti al top
Gli investitori sembrano riporre le loro speranze sulla ripresa cinese, anche se la locomotiva asiatica viaggia a rilento. La categoria più amata, infatti, è stata quella degli azionari mercati emergenti (+4,4 miliardi), confermando un trend che dura ormai da un anno. Forti flussi sono stati registrati anche dai fondi specializzati in Asia-Pacifico e Cina. Tra gli obbligazionari continua la ricerca di rendimento. La categoria eterogenea “Altri”, che comprende flessibili, high yield e fondi-obiettivo, ha raccolto 3,5 miliardi di euro, seguita dal reddito fisso emergente in valuta locale (2,5 miliardi) e forte (2,1 miliardi). Tra i bilanciati, la preferenza è andata ai flessibili e ai prudenti, con la parte più consistente di flussi sulla classe in euro di M&G Optimal income, rating Silver attribuito dagli analisti di Morningstar.

Italiani in rosso
I dati sull’Italia sono sostanzialmente in linea con il resto d’Europa. I flussi netti nei fondi a lungo termine distribuiti nel Belpaese sono stati pari a 9,8 miliardi. Al primo posto si è collocato il reddito fisso (+6,9 miliardi), seguito dagli azionari (+2,6 miliardi) e dai bilanciati (+692 milioni). Per i soli fondi di diritto italiano, invece, il saldo di gennaio è negativo (-1,3 miliardi).

Fuori dal Regno Unito
Che gli investitori non amino le Borse tedesca e francese non è una novità, dal momento che negli ultimi dodici mesi i fondi specializzati hanno subito pesanti deflussi. A gennaio, si è aggiunta alla lista Londra, con riscatti netti per 1,4 miliardi di euro, sulla scia del cattivo andamento dell’economia. Sul fronte obbligazionario, segni meno si trovano davanti alle categorie dei corporate e diversificati in sterline ed euro.

Ritorno ai fondi Templeton
Per quanto riguarda i singoli fondi, quello che ha raccolto di più è stato Templeton global total return, ma è andato bene anche Templeton global bond, entrambi gestiti da Michael Hasenstab. Pimco si conferma la casa di investimento con la raccolta maggiore e quattro fondi nella top ten. Oltre ai comparti obbligazionari, il cui successo è consolidato, gli investitori hanno accordato il loro consenso anche a Pimco GIS Equities dividend fund, fondo azionario gestito secondo l’approccio macro-economico di Pimco.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia