Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

Raccolta fondi, obbligazionari ancora protagonisti

In totale, l’industria europea ha registrato flussi netti per 47 miliardi di euro. Gli azionari archiviano un mese positivo grazie agli indicizzati. Continua il periodo “no” degli alternativi.

Sara Silano 29/08/2019 | 16:23

Sono stati di 47 miliardi di euro i flussi netti verso i fondi domiciliati in Europa a luglio 2019, un livello che stabilisce il nuovo record mensile per l’anno in corso ed è il più alto da gennaio 2018. Merito soprattutto dei comparti obbligazionari che hanno raccolto 43,8 miliardi, in crescita rispetto a giugno e a maggio. A dirlo è l’ultimo Morningstar asset flow report curato da Ali Masarwah dell’EMEA editorial research team.

Gli azionari hanno ricevuto sottoscrizioni nette per 7,3 miliardi, miglior mese da novembre 2018. La categoria più popolare è stata l’equity globale large cap blend, grazie soprattutto ai fondi indicizzati (+6 miliardi). Sono stati tra i favoriti anche i comparti specializzati sugli Stati Uniti (flex-cap) e sull’Europa (large cap blend).

Nel reddito fisso, la categoria più popolare è stata quella degli obbligazionari corporate in euro, che ha avuto flussi netti per 5,3 miliardi, con il contributo maggiore che è arrivato dalle strategie attive. Oltre 5 miliardi sono entrati negli strumenti specializzati sui bond dei mercati emergenti e 4,5 in quelli flessibili.

Raccolta fondi per macro categorie Morningstar a luglio 2019

Alternativi, ancora riscatti
A luglio, è continuata la fase negativa dei fondi che utilizzano approcci simili agli hedge fund (-4,4 miliardi). In dodici mesi, hanno perso circa il 15% del patrimonio a causa dei riscatti. Segno meno anche per i bilanciati che hanno archiviato deflussi netti per 1,3 miliardi, attribuibili soprattutto alle strategie prudenti e flessibili in euro.

I fondi monetari hanno attratto 42,2 miliardi, grazie soprattutto a quelli domiciliati in Irlanda e Francia.

Attivi e passivi a confronto
A luglio, le strategie attive hanno raccolto complessivamente 26,5 miliardi in tutta Europa, mentre le passive 20,6. Il risultato delle prime è da attribuire soprattutto al reddito fisso (+34,2 miliardi), mentre nel segmento equity la preferenza degli investitori è andata agli index fund (+9,6 miliardi a fronte del -2,3 degli attivi).

Raccolta fondi: attivi vs passivi a luglio 2019

Chi ha raccolto di più
Tra le principali società di gestione, Pimco è stata quella che ha raccolto di più a luglio (+6,6 miliardi) nelle strategie attive, traendo vantaggio dal favore degli investitori per i fondi obbligazionari. Seconda è stata AllianceBernstein e terza BlackRock.

Le società di gestione attive e passive che hanno raccolto di più a luglio 2019 in Europa

Per quanto riguarda gli index fund (Etf e fondi passivi), iShares ha raccolto 7,5 miliardi netti, seguito da UBS (5,1) e da Invesco (1,5).

Leggi il report completo.

L'analisi è stata realizzata con la piattaforma per professionisti finanziari, Morningstar Direct. Clicca qui per saperne di più sulle sue funzionalità.

Le cifre di questo rapporto sono state compilate il 21 agosto 2019. Sono stati inclusi circa 39.000 fondi aperti ed ETF che Morningstar registra da oltre 1.750 società di fondi in più di 35 domicili.
Si noti che la metodologia attuale di Morningstar potrebbe non includere gli afflussi nel periodo di sottoscrizione iniziale dei cosiddetti “fondi a finestra” nella stima dei flussi netti. 
Clicca qui per scaricare la metodologia.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar