I replicanti arrivati nel 2018

L’anno scorso sono stati lanciati 237 nuovi fondi passivi in Europa tra strumenti non quotati ed Etp (di cui 127 a Milano). 

Valerio Baselli 14/01/2019 | 14:16

In attesa dei dati definitivi sull’ultimo mese dell’anno, possiamo comunque affermare che il 2018 è stato un (altro) anno positivo per il mercato europeo dei fondi indicizzati, in particolar modo in relazione ai concorrenti attivi. Secondo i dati Morningstar, nei primi undici mesi dell’anno, la raccolta netta è stata pari a 80 miliardi di euro, mentre il patrimonio gestito si attestava a quota di 1.398 miliardi a fine novembre, in crescita rispetto ai 1.326 miliardi di 12 mesi prima.


Fonte: Morningstar Direct

Nel Vecchio continente, i replicanti non hanno ancora raggiunto la maturità di mercato che hanno ad esempio negli Stati Uniti e questo si traduce in un contesto più dinamico, che si può ritrovare, oltre che nei flussi, nei lanci di nuovi prodotti.

Secondo i dati Morningstar, l’anno passato sono stati quotati in Europa 237 nuovi comparti passivi, 52 fondi aperti non quotati e 185 Exchange traded product. Di questi, 127 sono disponibili anche su Borsa Italiana. La tabella sottostante mostra i primi dieci in termini di patrimonio gestito (in euro all’8 gennaio 2019) tra i nuovi prodotti registrati alla vendita in Italia.

Discreta, in proporzione, la quota di nuovi prodotti con un focus sulla sostenibilità: 40 nuovi fondi, infatti, replicano indici che seguono criteri ESG. A conferma della sempre più elevata complessità degli strumenti passivi, ce ne sono 38 che Morningstar classifica come Strategic Beta. Solo due, infine, i fondi che sono contemporaneamente sostenibili e strategici.

Scendendo nel dettaglio delle asset class, la parte del leone la fanno i replicanti azionari, con 156 nuovi lanci, di cui oltre 48 dedicati a indici europei o britannici e altri 17 che replicano il mercato americano. Per quanto riguarda la Borsa giapponese, invece, 8 nuovi replicanti sono stato lanciati. Ventisette, invece, quelli esposti a benchmark azionari globali e 11 quelli dedicati ai mercati emergenti.

Annata importante anche per i prodotti a reddito fisso, con 73 nuove offerte, con una tendenza verso le emissioni in euro (33 in totale), seguite da quelle globali (18) e dai bond emessi in dollari (13).

Dal lato degli emittenti, invece, il più attivo è stato Amundi, con 59 nuovi lanci, seguito da Lyxor (33) e il gruppo BlackRock (22, inclusi i prodotti iShares).

L'analisi è stata realizzata con la piattaforma per professionisti finanziari, Morningstar Direct. Clicca qui per saperne di più sulle sue funzionalità.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.