Frontiera, difficile ritrovare la magia

I mercati non ancora emergenti sembrano aver dimenticato la buona prova messa a segno nel 2017. Ma c’è chi si salva, anche fra i fondi.

Marco Caprotti 07/11/2018 | 16:30

La frontiera continua a far soffrire gli investitori. La categoria Morningstar dedicata ai fondi specializzati nell’azionario dei mercati non ancora emergenti nell’ultimo mese (fino al 6 novembre e calcolata in euro) ha perso più dell’1%, portando a -11,3% la performance da inizio anno. Insomma, continua la ritirata dopo il +10% circa fatto segnare nel 2017.

Categoria Morningstar Global Frontier markets equity da inizio anno
frontiera3

Dati in euro aggiornati al 6 novembre 2018
Fonte: Morningstar Direct

C’è chi si salva
Non per tutti i fondi, tuttavia, sono state quattro settimane fallimentari. Fra i 13 strumenti presenti nell’universo venduti in Italia, Schroder ISF Frontier Markets Eq B Acc USD nel periodo è riuscito a portare a casa un +0,63%. Secondo i dati di portafoglio aggiornati al 30 settembre 2018, il gestore investe principalmente (53,8% degli asset) nei mercati di frontiera dell’Africa e del Medio Oriente. Una percentuale in linea con quella del benchmark di riferimento (MSCI Frontier Markets NR USD), ma superiore a quella della media di categoria (43,7%). A livello settoriale il manager sovrappesa i servizi finanziari, il real estate e gli industriali.

Frontiera in ordine sparso
Come i cugini più grandi emergenti, i mercati di frontiera continuano a mostrare un andamento estremamente frammentato. “Libano, Nigeria e Sri Lanka sono le zone più deboli al momento”, spiega uno studio firmato da Manraj Sekhon e Chetan Sehgal, rispettivamente Chief Investment Officer e Senior Managing Director - Director of Portfolio Management di Franklin Templeton Emerging Markets Equity. “La Nigeria è stata appesantita da una lenta crescita economica, alta inflazione e un declino degli investimenti stranieri. Il tutto è peggiorato dalle incertezze legate alle elezioni generali che si terranno a febbraio 2019. Le valutazioni equity in Sri Lanka sono state colpite da una svalutazione della rupia e dai problemi nel rifinanziamento del debito. Meglio si sono comportati Bahrain, Oman e Kuwait. Nel caso dell’ultimo paese, in particolare, sta facendo premio la prossima inclusione nell’indice MSCI Emerging markets”.

L'analisi è stata realizzata con la piattaforma per professionisti finanziari, Morningstar Direct. Clicca qui per saperne di più sulle sue funzionalità.

Visita il mini-sito Morningstar dedicato a MIFID II.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.