Morningstar, gli Etf con più click del secondo trimestre

Litio e robotica dominano la classifica. Ma i lettori si interessano anche ai Pir, all’azionario globale, al settore idrico e ai corporate bond.

Valerio Baselli 02/07/2018 | 11:11

La classifica degli Exchange traded fund (Etf) più seguiti dai lettori di Morningstar.it vede sempre più strumenti esposti al settore della tecnologia e dell’automazione. Ecco la Top 10 degli Etf più cliccati da aprile a giugno.

Il replicante più visto nel secondo trimestre dell’anno è stato il Global X Lithium & Battery Tech ETF, un fondo quotato a New York (non Ucits e denominato in dollari) che dà esposizione a 33 aziende attive nell’estrazione e nel commercio del litio, oltre che nella produzione di batterie agli ioni di litio. L’esplosione del prezzo di questo metallo nel corso degli ultimi due anni, legato a doppio filo allo sviluppo della mobilità elettrica, è sicuramente la ragione principale dietro a questo interesse.

In seconda posizione troviamo il L&G ROBO Global Robotics and Automation UCITS ETF, esposto al settore della robotica; un replicante sintetico dell’omonimo indice, composto da circa 80 società, la maggior parte delle quali a piccola o media capitalizzazione. Il benchmark comprende il 40% di azioni bellwether (aziende il cui business principale è direttamente collegato alla robotica) e il restante in società non bellwether, che per il momento hanno solo una parte del loro business e delle loro entrate dall’automazione. Clicca qui per leggere La robotica va nell’Etf.

Chiude il podio un altro prodotto del genere, l’iShares Automation & Robotics UCITS ETF USD (Acc) (EUR), un fondo che investe in società di tutto il mondo impegnate nello sviluppo della robotica in diversi settori economici.

Seguono poi l’iShares Core MSCI World UCITS ETF USD (Acc) (EUR) e il Lyxor MSCI World Information Technology TR UCITS ETF - C-EUR.

In sesta posizione troviamo il Lyxor FTSE Italia Mid Cap PIR (DR) UCITS ETF C-EUR (EUR), dal 28 marzo 2017 passato alla replica fisica e diventato formalmente e ufficialmente Pir (Piano individuale di risparmio); il replicante espone principalmente alle 60 società italiane a media capitalizzazione, non inserite nell’indice FTSE MIB e quotate su Borsa Italiana. 

Al settimo posto c’è il Lyxor UCITS ETF World Water D-EUR (EUR), specializzato sul settore idrico, seguito dal L&G Cyber Security UCITS ETF, esposto a un gruppo di società globali che generano una percentuale consistente dei loro ricavi nel settore della sicurezza cibernetica; in particolare, fornitori di infrastrutture che sviluppano hardware e software per tutelare l’accesso interno ed esterno a file, siti internet e reti, oppure aziende che forniscono servizi di consulenza e di sicurezza cibernetica.

Chiudono la Top 10 del trimestre l’ETFS Physical Gold (EUR) e l’iShares € High Yield Corp Bond UCITS ETF EUR (Dist) (EUR).

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.