Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

BNY Mellon Long term global equity, un portafoglio concentrato e sostenibile

IL FONDO SOSTENIBILE. Ha il focus sui titoli con il potenziale di ritorno sull’investimento più alto. Morningstar assegna un Analyst rating Silver e un giudizio di sostenibilità pari a quattro globi. Anche se non ha un esplicito mandato responsabile.

Sara Silano 08/11/2017 | 17:58

Il fondo BNY Mellon long term global equity è gestito da Walter Scott investment management (società del gruppo BNY Mellon) dal lancio nel 2007, con un approccio basato sull’analisi approfondita delle singole aziende, in modo da trovare quelle con un ritorno potenziale dell’investimento (in termini tecnici cash flow return on investment) superiore al 20%. Il risultato è un portafoglio concentrato in 40-60 nomi globali che non cambiano spesso (il turnover annuo è compreso tra il 10 e il 15%). Il forte focus sulla qualità e la flessibilità rispetto all’indice di riferimento hanno permesso al comparto di fare bene in periodi particolarmente negativi come il 2008 e 2011. Per contro, può sotto-performare i concorrenti quando la propensione verso i titoli rischiosi aumenta.

Gli analisti di Morningstar sono convinti che il fondo rappresenti una buona opzione per gli investitori in cerca di un’esposizione alle azioni internazionali, per cui gli attribuiscono un Analyst rating pari a Silver (report di Muna Abu-Habsa del 22 febbraio 2017).

4 globi per la sostenibilità
Il comparto non ha un esplicito mandato socialmente responsabile, tuttavia ha un Morningstar sustainability rating di quattro globi, che corrisponde a un giudizio superiore alla media, grazie a un buon punteggio ESG (acronimo di Environmental, social e governance) e di un indicatore delle controversie inferiore alla categoria. In base ai dati forniti da Sustainalytics sulle singole aziende (e utilizzati per il calcolo del rating Morningstar), i titoli che più contribuiscono all’elevato ESG score sono la danese Novo Nordisk, attiva nel settore farmaceutico, Cisco System e Taiwan Semiconductor (tutti con punteggio uguale o superiore a 80 punti in una scala che va da 0 a 100). Quest’ultima si distingue anche per il fatto che non risulta coinvolta in controversie, così come altre cinque società (Hong Kong and China gas, Shin-Etsu Chemical, Amphenol, ADP e Keyence).

I Morningstar Rating di BNY Mellon Long-Terrm Global Equity

Leggi il report redatto da Muna Abu-Habsa il 22 febbraio 2017.

Per informazione sulla metodologia e il codice etico degli analisti clicca qui.

Leggi tutti gli articoli Morningstar sugli investimenti sostenibili 

Per maggiori informazioni sugli investimenti sostenibili e il Morningstar Sustainability Rating, visita il mini-sito dedicato.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo
Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
BNY Mellon Long-Term Glbl Eq USD C Acc1,73 USD-0,94
Info autore Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia