Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

Indici azionari, chi vince la sfida ESG

Sull’ambiente, l’Eurozona batte tutti. Bene l’Italia per gli standard sociali e i paesi nordici per la governance. Troppe controversie nei mercati sviluppati.

Sara Silano 11/05/2017 | 09:17

Dove si trovano le aziende più attente all’ambiente? E quelle al top per gli standard sociali e di governance? Per scoprirlo, Morningstar ha analizzato 46 indici azionari proprietari, aggregando i dati delle società che fanno parte di ciascun paniere, e ha creato il Sustainability Atlas

Rispetto dell’ambiente
L’ambiente è uno dei tre fattori che costituiscono l’acronimo ESG (Environmental, social and governance). Comprende questioni come le emissioni di carbonio, l’efficienza energetica, il riciclaggio dei rifiuti, l’inquinamento dell’aria e dell’acqua, la biodiversità e la deforestazione. Nel complesso, l’Eurozona è l’area che ottiene i punteggi più elevati. L’Italia non fa eccezione e si trova nel secondo miglior quintile. I paesi emergenti, invece, hanno Environmental score bassi, in particolare Russia, Cina, Europa orientale e sud est asiatico.

Morningstar Sustainability Atlas - Environment

Standard di lavoro
Il fattore sociale riguarda gli standard lavorativi, la sicurezza dei prodotti e dei processi, le politiche di genere, i diritti umani, la soddisfazione dei clienti e i rapporti con le comunità locali. L’indice azionario dell’Italia si colloca nel quintile più alto, facendo meglio di altri paesi europei come la Germania, la Francia e la Spagna. Nel complesso, tuttavia, l’area della moneta unica è ben posizionata rispetto al resto del mondo. Gli Stati Uniti, ad esempio, sono nella fascia intermedia, sorpassati da alcuni emergenti come il Brasile. Qatar, Emirati Arabi e Israele sono tra i peggiori, insieme a Cina, Russia e Singapore.

Sustainability Atlas social score

Dieci in condotta
La governance tocca questioni legate al governo societario, come la retribuzione dei manager, la composizione dei consigli di amministrazione, le strutture di controllo, i comportamenti illeciti, le frodi, la corruzione e le attività di lobbying. Da questo punto di vista, i Paesi Bassi sono i più virtuosi nel mondo, insieme al nord Europa, all’Australia e alla Svizzera. Per contro, la Cina è il peggior mercato, ma anche il Giappone è da bollino rosso. L’Italia è nel secondo miglior quintile al pari con il Canada, mentre gli Stati Uniti sono sotto la media.

Sustainability Atlas Governance score

Troppi incidenti
Se combiniamo insieme i tre fattori (ESG) otteniamo il punteggio complessivo di ciascun indice azionario, che conferma il primato dell’Eurozona e il posizionamento nell’ultimo quintile di Cina e Russia. Tuttavia, se si introduce l’indicatore di controversie (incidenti con impatto sociale e ambientale che rappresentano un rischio per l’azienda), la mappa globale si colora di rosso: l’Italia è nel quintile più basso, insieme ad altri paesi sviluppati come Stati Uniti, Regno Unito, Germania e Svizzera. La peggiore per Controversy score, però, è la Corea del sud a causa dei problemi di Samsung, principale titolo nel paniere.

Morningstar Sustainability Atlas controversy score

Per saperne di più sul Morningstar Sustainability rating, clicca qui.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia