Pensioni, per il 40% ci pensa lo stato

L’Italia è il paese europeo con meno “coscienza” previdenziale. Il gap tra il reddito atteso e reale al termine della vita lavorativa, però, aumenta. Per colmarlo, bisogna risparmiare sin da giovani.

Azzurra Zaglio 30/11/2012 | 16:39
Facebook Twitter LinkedIn

Il 60% degli italiani sa di dover pianificare la propria pensione, ma un rimarchevole 40% crede ancora che sia mera responsabilità statale: due percentuali che collocano l’Italia al livello più basso e più alto, rispettivamente, della classifica europea. A dirlo è una ricerca online condotta da BlackRock sui comportamenti d’investimento, in collaborazione con YouGov, che rileva che il 53% del campione non ha ancora attuato alcuna forma previdenziale e il 15% pensa di affidarsi alla sola pensione statale.

Le ragioni di questa inerzia sono la mancanza di reddito sufficiente, i cambiamenti normativi e la mancanza di educazione finanziaria; infatti, solo 1 su 10 pensa di iniziare a risparmiare presto pur sapendo quanto il crescere dell’età comporti anche un crescere della quota da mettere via.

Un’amara realtà
La realtà lavorativa e post non rispecchia le speranze della popolazione. La divergenza tra i desideri e la realtà è netta. Il 60% della popolazione vorrebbe ritirarsi intorno ai 60 anni, se non prima, ma solo il 17% si aspetta che questo accada. Ogni singolo pensionato si aspetterebbe un reddito medio annuo pari a 27.531 euro, tuttavia, statistiche dell’Inps alla mano, il reddito convergente medio annuo ammonta a 15 mila euro. Un gap notevole che si potrebbe colmare solo con un montante di 500 mila euro accumulati durante la vita lavorativa. Cifra che si ridurrebbe, però, se si iniziasse precocemente a pensare di investire sul proprio futuro: 335 euro al mese per un venticinquenne che prevede la pensione a 65 anni, secondo le ultime regole perviste dal ministro Elsa Fornero. Già iniziando a 35 anni, il contributo mensile salirebbe a quasi il doppio (610 euro) per raggiungere lo stesso obiettivo.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Azzurra Zaglio

Azzurra Zaglio  è stata Redattrice di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy