Brexit, il futuro è tutto da scrivere

Il professor Angelo Baglioni (Università Cattolica di Milano) vede più contro che pro a seguito dell’uscita del Regno Unito dall’Ue (contrazione degli scambi commerciali, delocalizzazioni, minore immigrazione qualificata). Il mercato azionario ha già in parte anticipato l’impatto del divorzio, ma tutto dipenderà dalla tenuta dell’economia. Le Pmi britanniche potrebbero trarre qualche beneficio nel breve periodo.

Valerio Baselli 27/01/2020 | 09:40
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Dopo oltre tre anni di tira e molla, il prossimo 31 gennaio la Brexit diventerà realtà. Quali sono le prospettive per l’economia del Regno Unito? E per il mercato azionario? Boris Johnson sarà in grado di gestire la questione scozzese e quella irlandese? La Brexit può favorire le piccole e medie aziende locali?

Ne abbiamo discusso con Angelo Baglioni, docente ordinario di Economia Politica presso la Facoltà di Scienze bancarie, finanziarie e assicurative dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.