Quanto costano (in tutto) i fondi all’investitore

La commissione di gestione è solo una delle componenti di spesa. Ci sono, poi, altre voci tra cui le fee di incentivo e quelle per la negoziazione dei titoli. Mifid 2 impone maggior trasparenza e le novità sul fronte normativo non sono finite. Intanto, Morningstar ha mappato i comparti europei e ha scoperto che il conto può essere molto salato.

Sara Silano 29/04/2019 | 11:03

Pochi risparmiatori lo sanno, molti non se lo domandano; eppure quanto spendono per i loro investimenti è l’altra faccia di quello che ottengono, ossia dei rendimenti. La normativa Mifid 2 ha introdotto l’obbligo per le banche e le reti di consulenti finanziari di inviare un rendiconto dei costi ex post. Per il momento, tuttavia, si contano sulle dita di una mano gli intermediari che l’hanno già fatto con riferimento ai dati 2018.

Il documento, comunque, dovrà arrivare e gli investitori farebbero bene a guardarlo con attenzione. La normativa, infatti, prevede che gli intermediari illustrino nel dettaglio le spese sostenute realmente, non solo in percentuale, ma in valore assoluto, suddivise per prodotti e servizi (vedi le tabelle 1 e 2 dell’allegato 2 del Regolamento delegato della Commissione europea, che integra la direttiva 2014/65/UE).

Le voci di costo
Non esistono, tuttavia, standard condivisi per la rappresentazione di questi costi, per cui può essere difficile orientarsi. Alcune voci di spesa sono più familiari, come ad esempio la commissione di ingresso, di uscita o di gestione; altre meno. Con riferimento agli strumenti finanziari si pensi ad esempio ai costi di transazione, ossia quelli per la compravendita dei titoli, o alle fee di incentivo. D’altra parte, non è stato facile fino ad oggi comprendere il reale costo dell’investimento, dal momento che la normativa Ucits prevede solo la pubblicazione nella rendicontazione contabile (relazione annuale e semestrale) redatta per ciascun Oicr (Organismo di investimento collettivo del risparmio).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar