COP24 e i rischi ignorati del surriscaldamento del globo

In Europa gli eventi climatici estremi sono costati oltre 436 miliardi dagli Anni Ottanta a oggi e l’Italia ha pagato uno dei prezzi più alti. Se non si agisce subito i costi saranno altissimi. Gli investitori possono fare la loro parte, ma hanno bisogno di un quadro certo e strumenti di valutazione adeguati.

Sara Silano 06/12/2018 | 11:53

Katowice è una città ad est di Cracovia, nel cuore carbonifero della Polonia, famosa proprio per l’industria pesante. Non è un caso, quindi, che sia stata scelta come sede di COP24, la Conferenza mondiale sul clima promossa dalle Nazioni Unite, che si svolge dal 2 al 14 dicembre per fare il punto sull’impegno della comunità internazionale nella lotta al surriscaldamento globale.

Anche se dai partecipanti arrivano segnali contrastanti, la gravità del fenomeno è ormai sotto gli occhi di tutti. Secondo il report dell’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO), nel 2017 gli eventi climatici estremi sono stati la causa del 26% delle perdite di raccolti agricoli, del caldo estremo che ha interessato circa il 30% della popolazione mondiale, delle inondazioni che hanno colpito 41 milioni di persone nel solo sud-est asiatico e la lista potrebbe continuare ed aggiornarsi con i disastri ambientali che recentemente hanno colpito l’Italia.

Le perdite economiche
Secondo la Relazione della Commissione europea sull'attuazione della strategia dell'Ue di adattamento ai cambiamenti climatici, presentata il 12 novembre al Parlamento e al Consiglio europeo, “le perdite economiche registrate in Europa nel periodo 1980-2016 provocate da fenomeni meteorologici e altri eventi estremi legati al clima hanno superato i 436 miliardi di euro. L’’Italia è il secondo paese più penalizzato dopo la Germania. Si stima che i danni si decuplicheranno entro la fine del secolo se non verranno intraprese azioni di contrasto.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies