Diversità di genere e clima: i grandi gestori passivi alzano la voce

L’impegno di BlackRock, State Street Global Advisors e Vanguard è cresciuto nel tempo e sta avendo effetti sempre più diffusi.

Jon Hale 05/10/2017 | 09:27

Si potrebbe pensare che l'aumento degli investimenti passivi rappresenti un problema per la stewardship, ossia le attività dei gestori di patrimoni volte a migliorare le società di cui detengono quote azionarie, partecipando direttamente e tramite il voto di delega alle assemblee. Tuttavia, non è così. Al contrario, l'impegno dei Big three dell'investimento passivo—BlackRock, State Street Global Advisors e Vanguard—è cresciuto nel tempo. Essendo investitori di lungo periodo nelle aziende che compongono gli indici replicati dai prodotti passivi, hanno capito che la strada per modificare comportamenti non corretti è la partecipazione attiva.

Tutti i responsabili della stewardship dei tre asset manager, con i quali ho avuto occasione di parlare nella Morningstar ETF Conference qualche settimana fa, condividevano quest'opinione. Come ha affermato Rakhi Kumar, responsabile degli investimenti ESG e dell'asset stewardship di State Street, "Investire in un indice è come contrarre un matrimonio che non preveda la possibilità di divorziare." Glenn Booraem, Investment Stewardship Officer di Vanguard, ha preferito una metafora riferita a un'automobile: "Essere proprietari passivi è come trovarvi in una macchina dalla quale non potete scendere. Alla guida ci deve essere una persona competente, cioè il consiglio e il management. I sedili e gli airbag sono le strutture di governance.

Valore nel lungo periodo
I tre big sono più concentrati sulle questioni che salvaguardano o creano valore per gli azionisti nel lungo termine, ad esempio l'irrobustimento della governance societaria, piuttosto che su quelle relative al management e all’allocazione di capitale di breve termine, che spesso si impongono all'attenzione degli investitori attivi. BlackRock interviene sulla governance, afferma Michelle Edkins, Global Head of Investment Stewardship, quando è considerato un aspetto sostanziale per la creazione di valore nel lungo periodo.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Jon Hale  è Head of sustainable investing research in Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies