Fondi e bond verdi per sfidare il cambiamento climatico

Secondo il World economic forum, servono altri mille miliardi di dollari di investimenti in energie pulite per limitare il surriscaldamento della terra. La strada da fare è ancora lunga, ma aumentano i prodotti finanziari a disposizione. Come si stanno comportando i fondi?

Sara Silano 29/09/2017 | 09:28

La settimana scorsa si è svolto a New York il Sustainable development simmit promosso dal World economic forum (Wef), durante il quale si sono discusse le azioni concrete per raggiungere gli obiettivi fissati dall’Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030 e dall’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici (Cop21).

Lontani dall’obiettivo
Quest’ultimo è stato uno dei temi centrali del dibattito. Si stima che servano altri mille miliardi di dollari annui di investimenti in energie pulite per limitare il surriscaldamento della terra sotto i due gradi e 5-7 mila miliardi per centrare gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) ambientali e sociali fissati dalle Nazioni Unite per il 2030. Possono sembrare cifre enormi, ma la Commissione internazionale che ne promuove la realizzazione prevede un ritorno, in termini di opportunità di mercato di 12 mila miliardi nel momento in cui governi e imprese investiranno in modo più rispettoso dell’ambiente, delle comunità locali e promuovendo il reale benessere delle persone (lotta alla povertà, istruzione, acqua pulita, consumo e produzione responsabile, riduzione delle disuguaglianze, ecc.).

Per Valerie Smith, responsabile della corporate sustainability di Citi e presente al summit del Wef, gli investimenti in questa direzione restano inferiori al livello adeguato per raggiungere gli obiettivi; tuttavia è in crescita il numero di prodotti finanziari green o sociali formulati per rispondere alla crescente domanda da parte degli investitori. In particolare, il mercato delle cosiddette obbligazioni verdi è più che raddoppiato nel 2016, raggiungendo i 95 miliardi di dollari (fonte: Bloomberg New energy finance).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies