Stiamo facendo lavori di ordinaria manutenzione del sito, per cui potrebbero esserci momentanei e intermittenti interruzioni nel funzionamento. Ci scusiamo per il disguido e ti ringraziamo per la pazienza.

Robeco cerca stabilità con van Hassel

L’ex Ing IM è stato nominato amministratore delegato e presidente, dopo una serie di cambiamenti e uscite ai vertici. Morningstar conferma il rating Neutral per la società.

Sara Silano 14/09/2016 | 09:45
Facebook Twitter LinkedIn

Un manager “esperto” e “grande conoscitore dell’industria del risparmio gestito” (nota del 9 settembre 2016). Così gli analisti di Morningstar descrivono Gilbert van Hassel, che è stato recentemente nominato amministratore delegato e presidente di Robeco. Dal 19 settembre, sostituirà Leni Boeren che lascerà la società al termine del passaggio di consegne.

Van Hassel ha oltre 30 anni di esperienza dell’industria dell’asset management e ha rivestito incarichi di primo piano in Ing Investment management (ora NN Investment Partners) e nella divisione asiatica di JP Morgan.

Cambi ai vertici
Nel report firmato da Jeffrey Schumacher, gli analisti di Morningstar sperano che il suo arrivo dia un po’ di stabilità al consiglio di amministrazione della società, dopo i recenti avvicendamenti. Dal primo luglio 2013, Robeco fa parte del conglomerato finanziario giapponese Orix, pur mantenendo la sua autonomia. Inizialmente, il Cda è rimasto invariato, ma nel settembre 2015 si è dimesso Roderick Munsters dalla carica di amministratore delegato di Robeco Group ed è stato sostituito da David Steyn. A dicembre 2015, la presidenza è stata assunta da Bert Bruggink. Entrambi i manager, però, hanno deciso di lasciare a maggio 2016 per continuare la loro carriera in Orix corporation. Nello stesso mese è stata annunciata una riorganizzazione societaria, in attesa di approvazione da parte delle autorità regolamentari. Intanto ad aprile, erano usciti altri consiglieri, tra cui il responsabile degli investimenti Hans Rademaker.

Il turnover non ha avuto impatto sul team di investimento, che è rimasto intatto. “Non ci sono segnali di insoddisfazione, di cambiamenti nell’ambiente di lavoro o di una negativa influenza sulle performance del team”, dicono gli analisti di Morningstar. “Continueremo a monitorare la situazione. Intanto confermiamo il giudizio Neutral per il pilastro societario”.

Per approfondimenti sulla nostra metodologia di analisi e rating sui fondi, clicca qui.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia