VIDEO: In Italia c’è ancora valore

Secondo Marco Nascimbene (Ersel) il settore bancario italiano si risolleverà grazie agli aumenti di capitale previsti nei prossimi mesi. E su Piazza Affari si trovano ancora titoli che danno dividendi interessanti e sostenibili.

Valerio Baselli 14/04/2016 | 10:09

 

Valerio Baselli: Buongiorno e benvenuti ai Morningstar Awards 2016, sono in compagnia di Marco Nascimbene, gestore del Fondersel PMI, vincitore dell’Award come miglior fondo azionario Italia. Buongiorno e grazie.

Marco Nascimbene: Buongiorno.

Baselli: Il mercato italiano, dopo aver vissuto quattro anni positivi, ha perso nei primi tre mesi del 2016 il 17% circa.  Molto di più della media degli altri mercati dell’Eurozona (-8,2% circa). Quali sono le ragioni dietro questa differenza?

Nascimbene: La sottoperformance del listino italiano rispetto agli altri listini europei è dovuta in modo particolare all’andamento negativo del settore bancario. Sul nostro mercato il settore bancario pesa molto di più che sugli altri mercati europei, e le banche italiane sono state particolarmente appesantite dall’incidenza maggiore che hanno le sofferenze sul patrimonio e quindi dalla necessità, più volte richiesta dalla Bce, di ridurre il peso di queste sofferenze e di ricapitalizzare. Cosa che ha portato il mercato a prendere profitto sul settore aspettando gli aumenti di capitale che arriveranno nei prossimi mesi.

Inoltre, altri due settori che hanno patito particolarmente sono stati quello petrolifero, che anche in questo caso ha un peso maggiore sul nostro listino, e quello industriale, in particolare l’auto, che dopo un 2015 molto positivo ha avuto una presa di profitto sui timori di un rallentamento economico globale.

Baselli: E per il resto dell’anno quali sono le vostre previsioni su Piazza Affari?

Nascimbene: Dopo questo periodo difficile, prevediamo un andamento di recupero nella seconda parte dell’anno, per due motivi: con gli aumenti di capitale attesi nei prossimi mesi nel settore bancario, con magari anche una soluzione di sistema di cui si è parlato in questi giorni, con la creazione di una “bad bank” per la gestione delle sofferenze e anche di aiuto per la sottoscrizione degli aumenti di capitale, in particolare per le banche più in difficoltà che sono le venete, questo potrà portare a un recupero del settore che come detto pesa molto sul listino.

Inoltre possiamo dire che l’economia europea e italiana, anche se con tassi di crescita non certo spettacolari, stanno dando buoni segnali e quindi sostengono quelli che sono i fondamentali delle aziende.

Baselli: Ecco, entrando magari più nel dettaglio, dove vedete le migliori opportunità su Piazza Affari?

Nascimbene: Si può aumentare l’esposizione al settore bancario in occasione degli aumenti di capitale, soprattutto nell’ambito della prima aggregazione, se portata avanti, nel settore delle popolari. Poi, sicuramente resta interessante il settore industriale, in Italia abbiamo molte società che sono leader nel loro settore di appartenenza, e che lo saranno anche in futuro. Senza dimenticare che sul mercato italiano ci sono state molote operazione di M&A (fusioni e acquisizioni, Ndr) e questo può avvenire anche nei prossimi anni, visto che tante aziende italiane sono interessanti a livello globale.

Per ultimo, citerei anche il fatto che ci sono numerose società che offrono dividendi molto interessanti soprattutto in questo contesto di tassi, con dividendi ripetibili nei prossimi anni, non dovuti a eventi straordinari.  

Baselli: Perfetto, grazie ancora a Marco Nascimbene.

Nascimbene: Grazie a lei.

Baselli: Per Morningstar, Valerio Baselli, grazie per l’attenzione.

Clicca qui per conoscere tutti i vincitori dei Morningstar Awards 2016.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar