Le Borse festeggiano in anticipo

Eurolandia chiude in forte rialzo in scia ai dati macro americani e alla risalita del greggio. Milano segna +1,88%. Balzo di Cnh Industrial. Bene gli energetici. In ribasso i finanziari.

Francesco Lavecchia 23/12/2015 | 17:43
Facebook Twitter LinkedIn

Chiusura in forte rialzo per i listini di Eurolandia. Le principali piazze finanziarie del Vecchio continente hanno guadagnato oltre due punti percentuali. Piazza Affari, che ha terminato in coda al gruppo, ha realizzato comunque +1,88%. Le incertezze legate alla formazione del nuovo Governo in Spagna non hanno invece impedito a Madrid di salire sopra il 2%.

Balzo di Cnh
A trainare gli acquisti sono stati i positivi dati macro americani che hanno contributo a rafforzare il dollaro nei confronti della moneta unica e la buona intonazione degli energetici, che hanno beneficiato della risalita del prezzo del barile. A Milano brilla Cnh Industrial che guadagna oltre il 3% in scia alla notizia relativa alla buona crescita degli ordinativi di beni industriali in Italia nel mese di ottobre. In rialzo anche Saipem e Tenaris, che risentono della buona intonazione del comparto. Bene anche FCA, per la quale si avvicina la data dello scorporo di Ferrari, previsto in occasione della quotazione a Piazza Affari di quest’ultima (4 gennaio). In lieve ribasso i titoli del settore finanziario.

Wall Street in rialzo 
Avvio in rialzo per Wall Street che beneficia dei positivi dati macro della giornata. A novembre, la fiducia dei consumatori americani, fotografata dall’indice Michigan, è salita a novembre a quota 92,6 (da 91.3 registrato nel mese precedente), la vendita di case nuove è cresciuta del 4,3% (mese/mese) e sono aumentati anche il reddito personale e la spesa per consumi. Inoltre, la contrazione delle scorte di greggio negli Usa ha favorito la risalita del prezzo del greggio, che si è riportato sopra quota 37 dollari (per quello scambiato sul WIT).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy