Acquisti natalizi anche in Borsa

Eurolandia positiva. Milano segna +1,07% grazie alla buona intonazione dei titoli del comparto industriale ed energia. In forte rialzo anche Madrid, nonostante le difficoltà nella formazione del nuovo Governo. 

Francesco Lavecchia 23/12/2015 | 12:40
Facebook Twitter LinkedIn

Al giro di boa delle contrattazioni i listini di Eurolandia estendono i guadagni messi a segno in avvio di seduta. In tutte le piazze finanziarie del Vecchio continente i rialzi superano l’1%. Londra fa segnare +1,76% nonostante l’ultima lettura del Pil del terzo trimestre abbia tradito le attese degli analisti (+0,4% rispetto al secondo periodo, mentre le stime precedenti indicavano un incremento dello 0,5%). Le incertezze legate alla formazione del nuovo Governo in Spagna non hanno impedito a Madrid di salire a +2,19%.

Salgono industriali ed energetici
A Piazza Affari il Ftse Mib segna +1,07%. La crescita degli ordinativi di beni industriali nel mese di ottobre spinge le quotazioni dei titoli del comparto, con Cnh Industrial che guadagna oltre il 2%. In rialzo Saipem e Tenaris, che beneficiano della risalita del prezzo del petrolio. Bene anche FCA, per la quale si avvicina la data dello scorporo di Ferrari, previsto in occasione della quotazione a Piazza Affari di quest’ultima (4 gennaio).

New York positiva
L’andamento dei future a New York indica che Wall Street aprirà in rialzo. Le contrattazioni promettono di essere sostenute dalla ripresa del prezzo del greggio, che dovrebbe dare respiro ai titoli del comparto energetico, ma nel pomeriggio i dati relativi alle vendite di abitazioni nuove, agli ordinativi di beni durevoli e alla fiducia dei consumatori negli Usa potranno influenzare l’umore degli operatori.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia