L'ottimismo della Fed non convince

Per la Banca centrale Usa la traiettoria della ripresa è giusta. Ma gli ultimi dati macro e le previsioni sul Pil, dicono gli operatori, non bastano per parlare di una crescita forte dell'economia del paese. 

Marco Caprotti 08/05/2014 | 10:43

L’America è in mezzo a un guado. Una posizione evidenziata sia dall’andamento della Borsa (l’indice Msci Usa nell’ultimo mese – fino al 7 maggio e calcolato in euro - ha guadagnato lo 0,6%, portando la performance da inizio anno a +1%), sia dai dati macro.

Il Pil non gira
La crescita del Prodotto interno lordo statunitense è rallentata nel primo trimestre di quest’anno molto più delle attese, allo 0,1% dal 2,6% registrato nell’ultimo quarto del 2013. Il dipartimento del Commercio (da cui sono arrivati i dati), peraltro, aveva già rivisto il dato dei tre mesi ottobre-dicembre dall’iniziale +2,4%. Le attese degli analisti per gennaio-marzo erano per una crescita dell’1,1%. Quella del primo trimestre 2014 è la più bassa crescita in cinque anni. Il forte rallentamento, comunque, segue il progresso (+3,4%) registrato dal Pil Usa nella seconda parte del 2013. Anche le avverse condizioni climatiche, che hanno caratterizzato il periodo preso in considerazione hanno pesato sul dato, frenando sensibilmente la crescita della spesa per i beni di consumo ad appena +0,4% (+3,3% nel trimestre precedente), mentre la spesa al consumo nel suo complesso è cresciuta del 3% contro il +3,3% degli ultimi tre mesi del 2013. Le esportazioni sono invece crollate del 7,6%: si tratta del peggiore dato da quando è finita la recessione e, secondo gli esperti, testimonia che la debolezza delle economie di Europa e Asia sta avendo pesanti ripercussioni nella domanda di beni e servizi statunitensi.

La Federal Reserve, intanto, fa professione di ottimismo. “Molti dei recenti indicatori suggeriscono che la crescita sia sulla giusta traiettoria nel trimestre in corso”, ha detto il presidente della Banca centrale Usa, Janet Yellen, durante la testimonianza sull’economia americana davanti alla commissione economica congiunta del Congresso.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar