Deflazione o bassa inflazione? L’Etf giusto

L’Eurozona sta vivendo una fase di stagnazione dei prezzi, che, secondo alcuni, potrebbe scivolare in una spirale deflattiva di tipo giapponese. Ecco i consigli di Morningstar per proteggere il portafoglio in entrambi i casi.

Jose Garcia Zarate 03/03/2014 | 11:25

La ripresa economica nei mercati sviluppati è stata finora caratterizzata dall’assenza di pressioni inflazionistiche. Anzi, in particolar modo nella zona euro, i rischi di cadere in una deflazione sono diventati l’argomento più caldo. Misurato in termini fondamentali, l’indice dei prezzi al consumo dell’Eurozona è rallentato negli ultimi mesi a livelli che molti analisti considerano incompatibili con l'obiettivo di stabilità dei prezzi della Banca centrale europea (Bce). Perciò le voci che chiedono un ulteriore allentamento monetario sono in aumento, spinte dalla paura che l’Eurozona possa lentamente scivolare in una trappola deflattiva di tipo giapponese.

I segnali di una discesa dei prezzi sono stati particolarmente visibili nei paesi europei periferici. Una buona parte di questa tendenza può essere spiegata con l’eliminazione di alcuni beni dal paniere di riferimento, la diminuzione dei prezzi d’importazione di alcune materie prime e la relativa forza dell’euro. Inoltre, anche la bassa domanda domestica ha certamente pesato.

Tuttavia, per la Bce, le pressioni disinflazionistiche nella periferia dell’Eurozona non sono che la conseguenza naturale del riequilibrio della competitività di costo tra i paesi periferici e quelli centrali, in una situazione in cui la svalutazione della moneta non è più un’opzione. In altre parole, questo effetto era prevedibile. E in effetti, questo è stato il messaggio del presidente della Bce Mario Draghi durante la conferenza stampa post-riunione di febbraio. Tuttavia, anche accettando la logica della svalutazione interna, resta il fatto che le pressioni disinflazionistiche si stanno espandendo anche attraverso le principali economie della zona euro, le quali stanno sperimentando un calo dei prezzi all'importazione.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Jose Garcia Zarate  is an ETF analyst with Morningstar UK.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies