Benvenuti sul nuovo sito Morningstar.it! Scopri quali sono i cambiamenti e come le nuove funzionalità ti possono aiutare ad avere successo negli investimenti.

Morningstar, gli Etf con più click del trimestre

Azionario globale, strategie a bassa volatilità e bond diversificati dominano la classifica. Ma i lettori si interessano anche alla robotica, all’oro e al settore della tecnologia.

Valerio Baselli 08/07/2019 | 10:42

La classifica degli Exchange traded fund (Etf) più seguiti dai lettori di Morningstar.it  nel corso del secondo trimestre dell’anno vede alcune novità. Ecco la Top 10 dei replicanti più cliccati tra aprile e giugno.

Resiste in testa al ranking l’iShares Core MSCI World UCITS ETF USD (Acc) (EUR), in scia alle ottime performance dei listi internazionali segnati in questa prima parte del 2019.

Al secondo posto troviamo l’iShares Edge MSCI World Minimum Volatility UCITS ETF, replicante “strategic beta” che offre un’esposisione alle Borse globali attraverso il filtro della bassa volatilità. Chiude il podio l’iShares € Aggregate Bond UCITS ETF.

In quarta posizione l’iShares Automation & Robotics UCITS ETF USD (Acc) (EUR), un fondo che investe in società di tutto il mondo impegnate nello sviluppo della robotica in diversi settori economici.

Segue poi l’ETFS Physical Gold (EUR), esposto alle fluttuazioni dell’oro fisico. Segnale, questo, che gli investitori restano comunque in cerca di un paracadute per eventuali altre fase di alta incertezza. A fine giugno, l’oro ha superato i 1.436 dollari l’oncia, il valore più alto degli ultimi sei anni. I timori riguardo a nuove possibili tensioni commerciali tra Usa e Iran (senza domenticare la trade war cino-americana), l’attesa del summit G-20 e soprattutto l’apertura della Federal Reserve a eventuali ulteriori stimoli monetari, hanno di fatto spinto gli investitori verso il più famoso dei beni rifugio.

In sesta posizione troviamo l’L&G ROBO Global Robotics and Automation UCITS ETF, esposto al settore della robotica; un replicante sintetico dell’omonimo indice, composto da circa 80 società, la maggior parte delle quali a piccola o media capitalizzazione. Il benchmark comprende il 40% di azioni bellwether (aziende il cui business principale è direttamente collegato alla robotica) e il restante in società non bellwether, che per il momento hanno solo una parte del loro business e delle loro entrate dall’automazione.

La classifica prosegue con l’iShares € High Yield Corp Bond UCITS ETF EUR (Dist) (EUR) e il Lyxor MSCI World Information Technology TR UCITS ETF - C-EUR, replicante di un indice composto da 175 società di medie e grandi dimensioni operative nel settore tecnologico in 23 diversi paesi sviluppati.

Chiudono infine la classifica il fondo PIMCO Short-Term High Yield Corporate Bond Index Source UCITS ETF Inc EUR Hedged e l’iShares J.P. Morgan $ EM Bond UCITS ETF.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar