Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

Cosa sono i Pir

Introdotti con la legge di bilancio 2017, i Piani individuali di risparmio prevedono agevolazioni fiscali per gli investitori se vengono rispettati determinati vincoli di composizione del patrimonio e di detenzione.

Sara Silano 17/10/2017 | 09:46

L’acronimo Pir indica i Piani individuali di risparmio a lungo termine introdotti con la legge n. 232 dell’11 dicembre 2016, la cosiddetta legge di bilancio 2017. Si tratta di “contenitori fiscali” (fondi, gestioni patrimoniali, contratti di assicurazione o depositi titoli) che possono avere in portafoglio azioni, obbligazioni, quote di fondi, ecc., rispettando però determinati vincoli di investimento.

Si parla di “contenitori fiscali” perché prevedono l’esenzione della tassazione dei redditi, qualificabili come “di capitale” o “diversi” di natura finanziaria derivanti dagli investimenti in essi. I destinatari sono le persone fisiche e non possono avere più di un Piano.

I vincoli
Esistono due tipi di vincoli per beneficiare dell’agevolazione fiscale: uno è relativo alla composizione del patrimonio; l’altro al periodo di detenzione. Con riferimento al primo, almeno il 70% del patrimonio deve essere investito in strumenti finanziari emessi da imprese residenti in Italia, o nell’Unione europea o aderenti all’Accordo dello Spazio economico europeo (Asee) e con stabile organizzazione nel nostro Paese. Di questo 70%, almeno il 30% deve essere allocata in titoli diversi da quelli del paniere dell’indice Ftse Mib, composto prevalentemente da blue chip. E’ previsto inoltre, un limite alla concentrazione: non più del 10% può essere destinato a strumenti di uno stesso emittente o a depositi.

Con riferimento al vincolo di detenzione, i Pir devono essere tenuti per almeno cinque anni. In sostanza, si vuole evitare l’uso speculativo di questi strumenti e permettere alle imprese di beneficiare delle risorse ottenute per un periodo medio-lungo. Il mancato rispetto di questo obbligo, fa decadere il beneficio fiscale.

Infine, non è possibile investire più di 30 mila euro ogni anno nei Pir, entro un tetto massimo di 150 mila euro.

Gli sviluppi normativi
Le legge 232/16 è stata successivamente integrata e modificata dal decreto legge n. 50 del 24 aprile 2017, convertito in legge a giugno (n. 96/2017). All’inizio di ottobre, il Ministero dell’economia e delle finanze ha pubblicato le linee guida all’interpretazione della normativa, cui l’Agenzia delle entrate dovrà far seguire una circolare per gli uffici preposti alle attività di controllo e accertamento.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia