Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

Industriali da corsa

IL BAROMETRO DEL MERCATO EUROPEO. Ad aprile i titoli del comparto manifatturiero segnano la miglior performance incrementando il guadagno da inizio anno. I growth battono i value. I telefonici sono convenienti. Energia e materie prime si confermano i settori più costosi.  

Fernando Luque 08/05/2017 | 16:30

E’ ancora tempo di guadagni per i listini del Vecchio continente. Nel mese di aprile tutti i segmenti della Morningstar Style Box hanno riportato rendimenti positivi. A fare la parte del leone sono stati i titoli growth che hanno sovraperformato i value in tutte le fasce di capitalizzazione. Nel caso delle azioni large-cap il divario è stato di 310 punti base, minore quello relativo alle stock di media (2,8% vs 5,8%) e bassa capitalizzazione (2,5% vs 4,5%).

Value sempre più distanti dai growth
Questo dato rafforza un trend che dura da inizio anno e che ha portato il gap tra value e growth a superare i 900 punti base (per le stock large e mid-cap). Le società che nell’ultimo mese hanno maggiormente contribuito a questo risultato sono state quelle del settore beni di consumo ciclici come LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton, Inditex o Kering che hanno registrato rialzi rispettivamente dell'11,3%, dell'8,6% e del 17,4% (in euro).

 

 

A frenare la corsa del segmento value è stato anche il cattivo andamento delle grandi società di telecomunicazioni come Vodafone Telefonica, che hanno perso rispettivamente il 2,8% e il 3,1%. Il comparto è stato uno dei peggiori nel mese di aprile, durante il quale ha accusato una perdita dell’1%. E’ anche quello scambiato ai prezzi più bassi (con un rapporto Prezzo/Fair value pari a 0,83) e presenta diverse aziende come Vodafone, Telefonica SA, OrangeMillicom International CellularSFR e BT Group che hanno un Morningstar Rating di quattro stelle (nessuna ottiene cinque stelle).

 

 

Gli industriali al top nelle performance
I grafici ci dicono anche che il fanalino di coda è stato il settore energetico, che ha sofferto la continua caduta del prezzo del petrolio prodotta dalle previsione di un prossimo aumento della produzione negli Stati Uniti. Il passivo registrato ad aprile, pari all'1,5%, è stato prodotto dalle negative performance di titoli ad alta capitalizzazione come Royal Dutch Shell (-4,5%), Eni (-4,4%), BP (-1,7%) e Total (-0.5%). Inoltre, il comparto energy è stato anche l'unico a segnare da inizio anno una perdita (quasi il 4%) e questo ha contribuito a tenere il rapporto P/FV sotto la parità (0,98).

 

 

Dall’altra parte, invece, quello manifatturiero ha realizzato il rendimento più alto ad aprile (+5,5%), grazie anche ai guadagni di VolvoAirbusVinci ABB (rispettivamente paria al 10,9%, 6,0%, 7,1% e 5,9%) e, insieme all’high tech, condivide la posizione di best performer da inizio anno (+15,7%). Il trend positivo in Borsa ha alzato le sue quotazioni di mercato e questo ha fatto lievitare il rapporto P/FV a 1,11 (dietro solo a tecnologia e materie prime, rispettivamente pari a 1,21 a 1,30).

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo
Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
ABB Ltd26,82 CHF0,22
Airbus SE90,40 EUR0,74
BP PLC516,50 GBX0,04
BT Group PLC267,00 GBX-0,74
Eni SpA14,95 EUR0,61
Industria De Diseno Textil SA28,33 EUR-1,36
Kering SA400,80 EUR-0,40
LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton SE238,75 EUR-1,49
Millicom International Cellular SA DR577,00 SEK0,70
Orange SA14,46 EUR-0,58
Royal Dutch Shell PLC B2.569,50 GBX0,04
SFR Group SA  -
Telefonica SA8,22 EUR-0,51
Total SA47,59 EUR-0,62
Vinci SA87,40 EUR-0,02
Vodafone Group PLC226,00 GBX-0,72
Volvo AB A163,80 SEK0,55-
Info autore Fernando Luque

Fernando Luque  es el Senior Financial Editor de www.morningstar.es