Per continuare ad usare il sito, devi abilitare i cookies. Clicca qui per avere maggiori informazioni sulla nostra policy relativa ai cookie e sul tipo di cookies che usiamo. Accetto i Cookies

I replicanti arrivati nel 2016

L’anno scorso sono stati lanciati 142 nuovi Etp in Europa, di cui 37 disponibili anche agli investitori italiani. Boom dei prodotti azionari sui mercati sviluppati.

Valerio Baselli 09/01/2017 | 10:17

In attesa dei dati definitivi sull’ultimo trimestre dell’anno, possiamo comunque affermare che il 2016 è stato un (altro) anno molto positivo per il mercato europeo degli Exchange traded products (clicca qui per approfondire). Nel Vecchio continente, infatti, i replicanti non hanno ancora raggiunto la maturità di mercato che hanno negli Stati Uniti e questo si traduce in un contesto più dinamico, che si può ritrovare, oltre che nei flussi, nei lanci di nuovi prodotti.

Secondo i dati Morningstar, l’anno passato sono stati quotati in Europa 142 nuovi Etp, di cui 37 anche su Borsa Italiana. La tabella sottostante mostra i primi dieci in termini di patrimonio gestito (in euro al 4 gennaio 2017).

La parte del leone la fanno i replicanti azionari, con 83 nuovi lanci, di cui 14 dedicati a indici paneuropei (oltre a due fondi esposti esclusivamente al mercato tedesco, quattro a quello del Regno Unito e uno alle azioni svedesi) e altri 12 che replicano il mercato americano. Per quanto riguarda la Borsa giapponese, invece, un solo nuovo replicante è stato lanciato. Sette gli Etf esposti ai mercati emergenti.

Annata importante anche per i prodotti a reddito fisso, con 45 nuove offerte, con una tendenza verso le emissioni societarie in dollari (19 in totale).

Per quanto riguarda le altre macro categorie, nel 2016 sono stati quotati in Europa nove nuovi Etp dedicati alle materie prime, un replicante bilanciato, due fondi alternativi e uno esposto al mercato monetario.

Dal lato degli emittenti, invece, il più attivo è stato Lyxor con 22 nuovi prodotti lanciati, seguito da State Street con 21 lanci, da iShares con 18 e da db X-trackers con 16 nuove offerte. Vengono, tra altri, poi Source (6), Vanguard e UBS (5), Invesco e WisdomTree (4).

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.