Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Qual è lo stato di salute delle PMI italiane?

Confindustria ha lanciato l’allarme sulla tenuta dei margini di profitto e gli analisti di Intermonte hanno tagliato le stime degli utili per il 2023. Nonostante questo, le azioni dei segmenti di piccola e media capitalizzazione sono valutate sui listini con multipli più elevati rispetto alle Large cap.  

Francesco Lavecchia 22/09/2022 | 07:28
Facebook Twitter LinkedIn

Italia-bandiera

Se un dottore visitasse l’economia italiana si accorgerebbe subito che il suo cuore soffre di palpitazioni da stress e ansia. Le piccole e medie imprese italiane, che sono responsabili del 41% dell’intero fatturato generato dal paese e del 33% dell’insieme degli occupati del settore privato, e che generano circa il 40% del Prodotto interno lordo del paese, stanno soffrendo il peggioramento del quadro macro e sono in grossa apprensione per il futuro.

Il quadro macroeconomico
Se è vero che nel 2021 abbiamo assistito a una forte accelerazione dell’economia dopo il blackout imposto dal Covid, con una crescita del Pil del 7,5% (vs il 2020), dobbiamo ora registrare che questa spinta si sta progressivamente esaurendo. I dati dell’Istat di fine agosto indicano che nel secondo trimestre la crescita è scesa a +4,6% (anno su anno) e quella congiunturale (rispetto al primo trimestre del 2022) si è fermata all’1%.

Il contesto macroeconomico è peggiorato negli ultimi mesi e il quadro tracciato dagli analisti di Confindustria non è rassicurante. Stando alla relazione del centro studi della Confederazione generale dell’industria italiana, il settore manifatturiero, che deve fare i conti con il forte aumento del costo dell’energia e con la scarsità delle materie prime, è in sofferenza. L’indice PMI del comparto (Purchasing managers index, calcolato in base alle risposte dei responsabili degli acquisti delle aziende e che misura le aspettative delle stesse sulla crescita futura del settore) in Italia è in costante decrescita dal dicembre del 2021 e a settembre ha toccato il punto più basso dal secondo trimestre del 2020, a quota 48 (da 48,5 di agosto), confermando un segnale di decrescita (sotto i 50 punti indica una decrescita).

L’inflazione è salita ancora ad agosto a +8,4% (su base annua), dal +7,9% di luglio, e gli elevati costi dell’energia e l’apprezzamento del dollaro nei confronti della moneta unica non fanno presagire un miglioramento del quadro inflazionistico, almeno nel breve termine. E questo rischia di pesare negativamente sui consumi delle famiglie. Inoltre, la Bce è tornata a far salire i tassi di interesse dopo sei anni di politica monetaria accomodante con l’intento di frenare la corsa dei prezzi al consumo, e l’aumento del costo del debito potrebbe rischiare di frenare gli investimenti delle imprese.

Aspettative pessimistiche sui conti delle PMI
Tutto questo si traduce in aspettative negative per i conti delle piccole e medie imprese italiane. Secondo Confindustria, il rischio è che alla lunga i margini di profitto delle aziende non resistano all’aumento del costo delle materie prime. A settembre, Intermonte ha rivisto al ribasso le stime sugli utili per il 2023 per le società del segmento Mid e Small cap coperte dai suoi analisti, rispetto a quelle fatte a inizio anno, tagliandole in media dell'8,5%.

Sui listini, però, le azioni di media e piccola capitalizzazione di mercato non sembrano al momento risentire di questo peggioramento delle aspettative per il prossimo anno. Gli indici Ftse Italia Mid Cap e Ftse Italia Small Cap hanno perso rispettivamente l'8,3% e il 5,8% nell'ultimo mese (in euro al 19 settembre 2022), ma da inizio 2022 hanno sovraperformato il mercato italiano nel suo complesso, rispettivamente di circa 13 e 5 punti percentuali (il rendimento dell’indice Ftse Italia All-Share è stato pari a 19,7%). Va segnalato, inoltre, che questo dato è in controtendenza rispetto a quanto si osserva sulle Borse del Vecchio continente, dove le società di bassa capitalizzazione di mercato (rappresentate dall’indice MSCI Europe Small Cap che nello stesso periodo ha perso il 25,8%) hanno registrato un ritardo di oltre 1000 punti base rispetto all’indice MSCI Europe.

Brutte notizie per gli investitori nel segmento Mid e Small cap
Gli analisti di Intermonte, nel loro report di settembre sulle società Mid e Small cap quotate a Borsa Italiana, evidenziano inoltre due aspetti che sicuramente non piaceranno agli investitori che prediligono posizionarsi su questi segmenti di capitalizzazione. La prima riguarda la loro valutazione. A seguito dell’andamento di Borsa negli ultimi mesi, infatti, il segmento Mid & Small cap è scambiato a multipli (Price/Earning calcolato sugli utili dei prossimi 12 mesi) di circa il 38% più alti rispetto a quelli delle azioni Large cap. Il secondo si riferisce alla liquidità delle azioni sul mercato (misurata in base ai volumi medi negoziati moltiplicati per i prezzi medi in un determinato periodo). Nel caso dei titoli Large cap, dicono gli analisti di Intermonte, si è registrata lo scorso mese una riduzione del 38% rispetto alla media annuale, mentre quella dei segmenti di media e piccola capitalizzazione si è ridotta nello stesso periodo rispettivamente del 44% e del 41,5%. In conclusione: le azioni delle società Mid & Small cap sono mediamente più costose delle Large cap e meno liquide di quanto non lo siano normalmente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia