Donne e Cda, la parità di genere è ancora lontana nelle banche europee

L’analisi di DBRS Morningstar mostra come ci siano stati dei miglioramenti negli ultimi cinque ann. Ma alcuni paesi sono ancora molto lontani dall’obiettivo. Gli analisti smontano il sistema delle quote rosa. Meglio, dicono, adottare delle politiche che promuovano lo sviluppo della carriera e una crescita sostenibile della presenza femminile nei consigli di amministrazione.

Francesco Lavecchia 08/03/2021 | 10:01
Facebook Twitter LinkedIn

Le donne si fanno strada nei consigli di amministrazione delle banche europee, ma il percorso per arrivare alla parità di genere è ancora lungo. Da una ricerca di DBRS Morningstar, che ha come obiettivo quello di valutare il danno economico e reputazionale per gli istituti di credito in caso di mancato rispetto di norme che tutelino la parità di genere, emerge come nonostante dal 2014 al 2019 ci sia stata una crescita nella presenza delle donne nei Cda delle banche europee i numeri siano ancora bassi (il campione è formato da 53 dei maggiori istituti di credito della regione). Specie in alcuni paesi.

Al momento le donne ricoprono il 32% dei posti nei consigli di amministrazione delle banche europee. Questa statistica è migliorata progressivamente dal 2014 a questa parte, quando la percentuale era ferma al 22%, ma continua a essere deludente se si ha come obiettivo quello della parità di genere che potrebbe arrivare solo nel 2030, nel caso in cui si mantenesse questo ritmo di crescita. Il quadro all’interno della regione risulta molto eterogeneo: si passa da paesi molto virtuosi in questo senso come la Norvegia, la Svezia e la Francia, che si posizionano ampiamente sopra la media europea, o l’Irlanda e la Danimarca che hanno registrato il maggior incremento negli ultimi 5 anni, al Portogallo che non raggiunge neanche quota 20% e alla Germania che invece ha visto addirittura scendere la percentuale di 5 punti percentuali rispetto al 2014 (Figura 1).

 

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli articoli della categoria Investimenti Sostenibili

Clicca qui

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy