Sul clima non vanno ignorati i venti contrari

Aumenta l’impegno dei governi, delle aziende e dei gestori di patrimoni, ma anche i pericoli di fare passi indietro, soprattutto negli Stati Uniti. Gli investitori devono ancora lavorare molto sulla comprensione e riduzione dei rischi ambientali in portafoglio e sulla loro comunicazione. Tutti temi su cui riflettere nella Climate action week.

Sara Silano 26/09/2019 | 11:14

I rischi del cambiamento climatico

Sulla lotta al surriscaldamento del pianeta, il quadro che emerge dal summit sul clima di New York del 21-23 settembre e dai dati sull’impegno delle aziende e degli investitori ha tante luci e ombre. All’incontro, che ha preceduto l’assemblea generale delle Nazioni Unite e sarà ricordato per il forte appello della giovane Greta Thunberg, 66 Paesi, 102 città e 93 imprese si sono impegnate a raggiungere zero-emissioni di CO2 entro il 2050. La Russia, uno dei più grandi inquinatori al mondo, ha annunciato di voler attuare l’Accordo di Parigi del 2015, senza tuttavia ratificarlo. Restano, però, due grandi nazioni, come il Brasile e gli Usa, che continuano a non prendere seriamente in considerazione la questione. Anche sul fronte degli investitori, i segnali incoraggianti ci sono, ma non vanno sottovalutati alcuni campanelli di allarme.

Risoluzioni sul clima
Se guardiamo ai dati Morningstar sulle ultime assemblee degli azionisti negli Stati Uniti, vediamo che le risoluzioni sul tema sono diminuite rispetto agli anni scorsi, ma è aumentato il tasso di successo delle attività di engagement. Questo significa che il dialogo attivo tra società e investitori è più fruttuoso che in passato, per cui le prime si impegnano ad affrontare le questioni ambientali senza che si debba arrivare al voto. Purtroppo, però, non sempre è così, perché la regolamentazione e gli interventi dell’autorità statunitense di vigilanza sui mercati (Sec) sono diventati meno favorevoli rispetto al passato.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
BP PLC337,65 GBX2,75

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies