Per i fondi Usa è tutta una questione di stile

Le azioni growth americane continuano a fare la differenza rispetto alle value. Ai fondi specializzati sulla regione piaccono molto la tecnologia e l’healthcare.

Marco Caprotti 01/06/2018 | 15:23

Lo stile conta, quando si parla di fondi di investimento. Soprattutto, dicono gli analisti di Morningstar, se si tratta di strumenti dedicati agli Usa. “Negli ultimi nove anni, che coincidono con la fase di Toro vista negli Stati Uniti, le azioni growth sono state le regine”, spiega Fatima Khizou, analista nel team Manager Research di Mornigstar. “La differenza di rendimento con le azioni value è aumentata nel corso degli ultimi tre anni. Mettendo a confronto i maggiori indici growth e value si nota un divario del 16% a favore dei primi”. Le opportunità nei segmenti ad alta crescita si possono trovare un po’ ovunque. Ma a distinguersi, soprattutto, sono stati i tecnologici e l’healthcare.

Cosa piace dell’hi-tech
“Il potenziale dell’hi-tech di rivoluzionare diverse industrie ha creato ampi bacini di pesca per i manager growth”, spiega l’analista. “A marzo 2018 l’esposizione media dei fondi di investimento del segmento large cap growth al comparto dell’information technology è cresciuta del 35% rispetto a tre anni fa”. In termini di titoli la parte del leone l’hanno fatta i soliti noti. “Se ci concentriamo sui fondi con Analyst rating che puntano sui player a più alta crescita notiamo che società come Facebook, Amazon, Apple, Microsoft e Alphabet sono presenti in tutti i portafogli”. Non tutti hanno lo stesso peso e le stesse caratteristiche. Lo scandalo sull’utilizzo illecito dei dati che ha coinvolto Facebook, ad esempio, ha fatto limare le posizioni dell’azione in alcuni strumenti.

I fondi venduti in Europa che hanno più hi-tech (non tutti sono disponili in Italia)
tecusa

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Alphabet Inc A1.483,46 USD0,00
Amazon.com Inc2.095,97 USD0,00
Apple Inc313,05 USD0,00
Facebook Inc A210,18 USD0,00
Franklin US Opportunities A(acc)EUR19,18 EUR-2,19
Microsoft Corp178,59 USD0,00

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar