NN (L) Global Sustainable equity promosso a Bronze

IL FONDO SOSTENIBILE. Positiva la riduzione delle commissioni. La gestione è affidata a un team esperto. Ha un mandato socialmente responsabile, ma due soli globi Morningstar.

Sara Silano 03/01/2018 | 10:52
Facebook Twitter LinkedIn

Gli analisti di Morningstar hanno aumentato l’Analyst rating di NN (L) Global Sustainable equity, fondo azionario internazionale large cap, da Neutral a Bronze (report di Ronald van Genderen del 13 dicembre 2017). Uno dei fattori determinanti la promozione è stata la diminuzione delle commissioni a carico dei sottoscrittori nel corso del 2017. E’ positivo anche il rafforzamento del team. Nel 2013, il gestore Hendrik-Jan Boer, responsabile della strategia dal 2004, era stato affiancato da Alex Zuiderwijk e successivamente si è aggiunto Jeroen Brand (aprile 2015).

I manager possono contare su 25 analisti per la ricerca fondamentale sui singoli titoli, i quali contribuiscono a formare un team di qualità ed esperto. Dal 2004, i rendimenti aggiustati per il rischio sono stati buoni se confrontati con la media dei concorrenti, ma inferiori a quelli dell’indice Msci World.

I criteri ESG nel portafoglio
La costruzione del portafoglio avviene attraverso criteri di selezione basati sui fondamentali delle società, ma anche sui fattori ambientali, sociali e di governance (ESG). L’approccio è sia di esclusione sia di selezione positiva. In base ai dati disponibili, Morningstar assegna un Sustainability rating di due globi (al 31 ottobre 2017). A differenza di altri comparti azionari socialmente responsabili, quello di NN Investment Partners non applica severi criteri di esclusione che portano a deviare significativamente dall’indice di riferimento in termini di pesi geografici e settoriali.

Prendendo gli ultimi dati di portafoglio disponibili (30 settembre 2017), l’ESG Score è di 52,28, inferiore alla media di categoria, mentre l’indice delle controversie è migliore della media. Tra i titoli che pesano di più, numerosi sono valutati come “average performer” da Sustainalytics (fonte primaria per l’attribuzione del rating Morningstar di sostenibilità), ma non mancano gli “underperformer” e i “laggard”, ossia quelli con giudizi ESG inferiori alla media o bassi a confronto con l’industria di riferimento. Tra questi ci sono le americane Torchmark (settore assicurativo), Helmerich & Payne (servizi energetici) e Surgery Partners (farmaceutico).

I Morningstar rating di NN (L) Global Sustainable Equity

Leggi il report redatto da Ronald van Genderen del 13 dicembre 2017. 

Per informazione sulla metodologia e il codice etico degli analisti clicca qui.

Leggi tutti gli articoli Morningstar sugli investimenti sostenibili 

Per maggiori informazioni sugli investimenti sostenibili e il Morningstar Sustainability Rating, visita il mini-sito dedicato.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
NN (L) Global Sustainable Eq X Cap EUR532,55 EUR-2,03Rating

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia