L’equity Italia non delude

L’indice dedicato al Belpaese continua a salire anche per merito della ripresa di servizi e consumi.

Marco Caprotti 06/07/2017 | 15:21
Facebook Twitter LinkedIn

L’Italia continua a regalare soddisfazioni. Per lo meno agli investitori che hanno deciso di mettere in portafoglio asset di Piazza Affari. L’indice Morningstar dedicato alla Penisola nelle ultime quattro settimane è salito dell’1,1%, facendo anche meglio di quello dedicato all’Europa che, nello stesso periodo è sceso del 2,2%.

Indice Morningstar Italy da inizio anno
Italia1

Dati in euro aggiornati al 5 luglio 2017
Fonte: Morningstar Direct

In un quadro internazionale che vede l’economia americana rallentare e l'area euro consolidare la crescita, le indicazioni migliori per la penisola arrivano dal Pil e dall’occupazione. Nel primo trimestre dell'anno (dati Istat) il Prodotto interno lordo è cresciuto dello 0,4%, più delle stime iniziali e un decimo in più rispetto all'ultimo periodo del 2016. A sostenere l'aumento sono stati soprattutto la vivacità del settore dei servizi (+0,6% nel trimestre) e i consumi delle famiglie (+0,5%), visto che gli investimenti sono scesi dello 0,9% (primo dato negativo dal 2014). Sul miglioramento dei consumi può aver avuto effetto anche la ripresa dell'occupazione: ad aprile 94mila italiani in più sono risultati al lavoro (+0,4% su marzo), con un tasso di disoccupazione sceso all’11,1%, ai minimi dal 2012.

Chi ha corso di più
In questo scenario, la categoria Morningstar dedicata ai fondi che investono in Italia in un mese ha guadagnato lo 0,14% e ha visto prevalere, in massima parte gli strumenti che hanno una buona esposizione ai consumer. All’interno del segmento equity Italy, il fondo che si è comportato meglio nel periodo è stato Schroder ISF Italian Equity A1 (Mornigstar rating 3 stelle): in un mese è salito dell’1,3%, portando a + 13,9% la performance da inizio anno. Secondo i dati aggiornati a fine maggio di quest’anno, a livello settoriale il portafoglio sovrappesa i beni di consumo ciclici. Per quanto riguarda lo stile di investimento, più del 50% del portafoglio è orientato alle large cap value, ma non mancano esposizioni, anche considerevoli alle mid cap blend e growth

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.