VIDEO: La Brexit ora fa paura

Per il professor Angelo Baglioni (Università Cattolica di Milano) le probabilità che Londra e Bruxelles trovino un accordo sono molto basse. Con un “no deal” il Regno Unito rischia di entrare in recessione e gli intermediari finanziari perderebbero il “passaporto” europeo.

Valerio Baselli 07/02/2019 | 10:30

 

Da due anni e mezzo la Brexit è una sorte di telenovela che non lesina colpi di scena. L’ultimo in ordine di tempo è la sconfitta di Theresa May in Parlamento, il che obbliga Londra e Bruxelles a un nuovo round di negoziati che si annunciano molto complessi, in particolare per quello che riguarda la questione del confine irlandese. Qual è ad oggi la conclusione più probabile? L’economia britannica rischia davvero di entrare in una spirale recessiva a seguito di un no deal? E quali potrebbero essere invece le conseguenze per la City e per gli investitori?

Ne abbiamo parlato con Angelo Baglioni, docente ordinario di Economia Politica presso la Facoltà di Scienze bancarie, finanziarie e assicurative dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar