Borse deboli

Europa quasi tutta in discesa. Gli ultimi dati macro non convincono. Milano si salva grazie all'attenzione sui bancari accesa dal fondo Atlante. New York si prepara a partire col segno meno. 

Marco Caprotti 29/04/2016 | 13:19

Prosegue con il segno meno la seduta della maggior parte delle Borse europee. Gli investitori non sono convinti dagli ultimi dati macro della regione. Da Eurostat è arrivato un segnale leggermente positivo sul Pil (+0,6% I trimestre contro +0,4% consensus) ma anche un -0,2% dei prezzi al consumo ad aprile.

A Milano i dettagli sul funzionamento del fondo Atlante, che si appresta a intervenire nella ricapitalizzazione della Popolare di Vicenza, fanno correre i bancari e permettono al Ftse Mib di tornare positivo.

New York giù
Per quanto riguarda gli Stati Uniti, l’andamento dei future indica che Wall Street aprirà col segno meno. Dal fronte macro oggi i dati più attesi sono quelli relativi alle spese personali e la rilevazione sulla fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar