Trimestrale STM, crescono le attese dopo gli scivoloni di Nvidia e TSMC

Grande attesa per la riunione del Cda di STM sui conti trimestrali dopo le vendite in Borsa per i big mondiali dei chip.

Fabrizio Guidoni 23/04/2024 | 11:37
Facebook Twitter LinkedIn

tecnologia

L’appuntamento coi conti trimestrali relativi ai primi tre mesi del 2024 ha tutte le caratteristiche di essere un momento molto atteso da parte degli investitori in STMicroelectronics (STMMI). Il Cda del gruppo italo-francese dei semiconduttori ha messo in calendario per il 24 aprile la riunione sui numeri della trimestrale che verranno poi comunicati al mercato. Ad alzare l’attenzione per questa particolare trimestrale sono i recenti flussi di vendite in Borsa per i big mondiali del settore come Nvidia (NVDA) e Taiwan Semiconductor Manufacturing Co (TSMC).

Pressione in vendita sui big del settore dei chip

Le quotazioni di TSMC sul listino di Taipei hanno evidenziato cali superiori al 6% venerdì 19 aprile in scia alla diffusione sugli utili del primo trimestre. La società ha ridotto le previsioni di crescita del settore dei chip e non ha ritoccato i piani di spesa in conto capitale, contrariamente alle aspettative. In più, TSMC, che è uno dei principali fornitori di Apple e Nvidia, ha abbassato le sue previsioni di crescita per il settore globale. In parallelo, Nvidia, che annuncerà i risultati finanziari del trimestre il prossimo 22 maggio, ha chiuso sempre venerdì 19 aprile la peggior settimana dal settembre 2022 con una perdita complessiva del 13,50%, quasi tutta da imputare al -10% dell’ultima seduta.

"Le vendite aggressive - spiegano gli analisti di Websim - si giustificano in parte con fisiologiche prese di profitto in parte con le crescenti tensioni sui tassi di interesse". Ma gli esperti sottolineano anche che sono arrivate indicazioni contrastanti dal settore semiconduttori. "Si deduce che - sottolinea Websim -, mentre l’entusiasmo legato al boom dell’intelligenza artificiale spinge la domanda di alcuni semiconduttori, una serie di concause sta incidendo negativamente sulla domanda dei chip di altri segmenti. In particolare, le diverse dinamiche sul calo dei tassi di interesse potrebbero portare a una contrazione dei consumi, penalizzando i chip destinati ad automobili, smartphone, personal computer, console da gioco, elettrodomestici e così via". 

 

 

Cosa attendersi dai conti trimestrali di STM?

Gli analisti di Citi prevedono che i conti del primo trimestre 2024 di STM possano evidenziare ricavi a 3,6 miliardi di dollari, con un margine lordo del 42,3%, "in linea con il consenso e con il punto intermedio del range" indicato dalla società. Quanto alla guidance sul secondo trimestre, Citi, che di recente ha rivisto al ribasso il prezzo obiettivo da 75 a 70 euro con giudizio confermato a buy, stima ricavi a 3,66 miliardi di dollari e un gross margin al 42,7%. Sull’intero 2024 gli analisti stimano ricavi a 16,1 miliardi.

Di recente, Barclays ha ridotto da 46 a 40 euro il prezzo obiettivo e confermato la raccomandazione equal-weight sul titolo. Gli analisti, anche preoccupati per l’outlook di lungo termine della Cina, hanno limato le stime sui ricavi del gruppo del 4% per il 2024 e il 2025 e del 5% sul 2026. Hanno inoltre abbassato le previsioni di utile netto adjusted del 7% per l’anno in corso e del 13% per il successivo. 

La guidance fornita da STM

STM aveva già fornito la guidance sul primo trimestre 2024 e indicazioni sull’intero anno appena iniziato in occasione della pubblicazione dei conti 2023. I ricavi netti previsti sono stati di 3,6 miliardi di dollari, con margine lordo atteso al 42,3%. Per il 2024, i vertici dell’azienda avevano dichiarato di voler guidare la società in base a un piano di ricavi per il 2024 compreso tra 15,9 e 16,9 miliardi. "Il 2024 sarà un anno di transizione", aveva spiegato Jean-Marc Chery, presidente e ceo di STM. "Dopo diversi anni di crescita dei ricavi e aumento della redditività, vediamo il 2024 come un anno di transizione. Stiamo adattando i nostri piani secondo le dinamiche di mercato, continuando a portare avanti la nostra strategia e il nostro modello operativo, continuando a focalizzarci fortemente sull’Automotive e l’Industrial e con un approccio selettivo nella Personal Electronics and Communications Equipment e nei Computer Peripherals", aveva aggiunto Chery.  

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
STMicroelectronics NV39,39 EUR-3,27

Info autore

Fabrizio Guidoni  collabora con Morningstar come data journalist. Ha una lunga esperienza sul mercato azionario italiano e sulla finanza sostenibile.

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures