Usa, continua la gara fra value e growth

I fondi dedicati ai titoli di crescita, dopo una fase di appannamento, sono tornati a salire. Le prospettive macroeconomiche, dicono gli analisti di Morningstar, migliorano. E l’inflazione non fa paura.

Marco Caprotti 02/09/2021 | 17:02
Facebook Twitter LinkedIn

Usa picture

 

Mentre l’azionario Usa continua a salire, sul fronte dei fondi dedicati all’equity americano procede l’avvicendamento fra stile value e growth.

L’indice Morningstar US Markets in un mese ha guadagnato il 3%, portando a +24,1% l’andamento da inizio anno. Nelle ultime quattro settimane, il paniere Global Markets ha segnato +2,9% (+19,7% da gennaio).

Indici Morningstar US Market e Global Markets a confronto
image

Dati in euro

Dal punto di vista delle valutazioni, attualmente, secondo il Morningstar Global Market Barometer l’azionario Usa è sopravvalutato del 7% rispetto al rapporto Price/Fair value (relativamente alle stock coperte dall’analisi Morningstar. Dati in dollari aggiornati al 30 agosto 2021). 

Per quanto riguarda le categorie Morningstar in cui sono divisi i fondi che investono nell’azionario Usa, c’è da segnalare il ritorno al vertice, in termini di performance, del segmento Large cap growth (+3,1% in un mese) spinto dai nuovi record del Nasdaq e dopo una fase in cui era stato sorpassato dal comparto Large cap value. Guardando le performance da inizio anno, i due stili di investimento gareggiano testa a testa.

Andamento Categorie Usa a confronto
image

Dati in euro

Il quadro macro
Sul fronte macroeconomico le prospettive restano buone. Le previsioni di Morningstar parlano di una crescita del Pil reale del 6% nel 2021 e del 4,3% nel 2022, poco cambiate rispetto a quelle pubblicate tre mesi fa (rispettivamente 6% e 4,6%). “Le nostre stime a breve termine sono più o meno in linea con il consensus per il 2021 e il 2022”, spiega Preston Caldwell, Senior Analyst e Head of U.S. Economics di Morningstar. “Per il 2025, tuttavia, è molto probabile che il nostro outlook sia al di sopra del consensus. La nostra previsione del Pil reale per quell’anno è superiore di circa il 3,5% rispetto a quelle del Fondo monetario internazionale e del Congressional Budget Office”.

Radar sull’inflazione
L’altra questione su cui si stanno concentrando gli operatori è quella dell’inflazione. “La storia in questo caso non è cambiata negli ultimi mesi, a nostro avviso”, dice l’analista. “L'aumento dell'inflazione è stato guidato principalmente dalla fornitura limitata di veicoli a causa della carenza di semiconduttori che dovrebbe essere progressivamente risolta nei prossimi trimestri. Pertanto ci aspettiamo ancora che l'inflazione elevata sia un fenomeno temporaneo. Prevediamo una crescita del 2,2% nell'indice principale dei prezzi delle spese per consumi personali nel periodo 2022-25, leggermente più alta rispetto all'obiettivo del 2% della Federal Reserve. Abbiamo aumentato la nostra previsione per il 2021 al 3,5% dal 2,9%, poiché la carenza di veicoli si è trascinata un po' più a lungo di quanto ci aspettassimo”.

Andamento inflazione Usa
image

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi altre analisi sugli Usa

Clicca qui

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.