Cosa c’è dietro i numeri dell’industria in Europa?

L'ultimo dato sull'indice PMI è stato inferiore alla soglia che indica uno stato di espansione economica. Le prospettive di crescita, dicono gli analisti di Morningstar, dipendono soprattutto dall’evoluzione della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti.    

Francesco Lavecchia 21/05/2019 | 14:22

Cosa aspettarsi dal settore manifatturiero in Europa? Nel corso del 2018 l’indice PMI si è mantenuto sopra la soglia dei 50 punti, che indica una fase di espansione, ma è sceso costantemente fino ad entrare in quella di contrazione nel mese di marzo. L’ultimo dato di aprile di 47,9 ha superato le attese degli analisti, ma conferma il momento di difficoltà. “In realtà la debolezza del settore non è generalizzata ma è da imputare ad alcuni segmenti”, dice Denise Molina Direttore della ricerca di Morningstar specializzata nel settore industriale.

Come leggere i dati dell'indice PMI
“Mi riferisco in particolare a quello dell’auto, colpito dal calo della domanda in Cina a causa dell’imposizione dei dazi sui veicoli di importazione. Nei prossimi trimestri non ci aspettiamo un miglioramento nei numeri relativi alla produzione di auto e dunque prevediamo che lo stato di debolezza di questa industria permanga anche nel 2019. Per il comparto manifatturiero nel suo complesso, invece, è lecito attendersi una stabilizzazione nel corso dell’anno. Quello a cui abbiamo assistito nei mesi scorsi è un naturale rallentamento dell’attività: nel 2016 c’è stato un forte calo degli ordinativi di beni industriali, a cui hanno fatto seguito due anni di grande espansione. Per questa ragione la contrazione a cui assistiamo oggi è da attribuire a un termine di paragone anno su anno molto sfavorevole. La crescita futura del comparto nel suo complesso dipenderà dagli esiti della guerra commerciale con la Cina, se le tariffe andranno a pesare in maniera significativa sul costo delle commesse potremmo assistere a un’ulteriore contrazione degli ordinativi”.

 

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies