Perché i fondi Usa hanno paura del debito corporate

Le società americane sono quelle che, più delle altre, negli anni hanno sfruttato i tassi ai minimi storici per finanziarsi. Il rialzo del costo del denaro o una recessione improvvisa potrebbero metterle nei guai proprio nel momento in cui hanno bisogno di altri soldi.

Marco Caprotti 05/09/2018 | 15:25

I fondi specializzati sugli Usa iniziano ad avere paura del debito corporate. Anche perché, nonostante alcuni segnali che indicano una riduzione di questa voce, in generale il livello di esposizione resta in linea con quello visto durante la crisi finanziaria del 2007-2009. “Le aziende americane hanno approfittato dei tassi di interesse ai minimi storici arrivati dopo la crisi del credito. Si sono fatte finanziare non solo per sostenere e sviluppare il business, ma anche per pagare dividendi e lanciare piani di buyback”, spiega Kevin Mc Devitt, analista di Morningstar. Secondo gli ultimi dati elaborati dalla Federal Reserve il debito corporate Usa alla fine del primo trimestre 2018 era pari al 45,2% del Pil americano, in calo di un decimo di punto percentuale rispetto ai sei mesi precedenti.

Ma c’è un elemento in particolare che fa preoccupare il mercato. “Secondo i dati di Wells Fargo Securities, circa 4mila miliardi di dollari di debito corporate dovranno essere rifinanziati nei prossimi anni. Se i tassi di interesse si dovessero impennare o l’economia dovesse entrare in recessione, molte aziende potrebbero trovarsi a corto di capitali o con le linee di credito chiuse proprio nel momento in cui hanno più bisogno di soldi”, dice Mc Devitt. La situazione è particolarmente pressante per le aziende americane. “Sono quelle che, di solito, sono più indebitate rispetto a quelle di altri paesi”, dice l’analista. “Il rapporto debito/capitale (debt/capital) delle società presenti nel paniere S&P500 è del 43%. Quello delle aziende presenti nell’indice Ftse All World ex US è del 32,7%”.

Il debito non è tutto uguale
Ci sono delle differenze anche all’interno dello stesso universo delle aziende Usa. “Le large cap tendono ad avere un rapporto debito/capitale più alto rispetto alle piccole e medie imprese”, dice Mc Devitt. Quelle presenti nell’indice Russel 2000 hanno un rapporto del 37,8%.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies